Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Aggredisce la moglie davanti ai figli minorenni

Pubblicato

il

Aggredisce la moglie

Aggredisce la moglie per gelosia. Lo fa anche davanti ai figli. Per l’indagato il divieto di avvicinamento e l’applicazione del braccialetto elettronico

Aggredisce la moglie davanti ai figli minorenni. I carabinieri della Stazione di Telese terme – a seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento – hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi da questa abitualmente frequentati, mantenendo una distanza non inferiore a 500 metri, con ulteriore prescrizione del divieto di comunicazione con la parte offesa.

Ad emettere il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura della Repubblica. Destinatario del porovvedimento un quarantanovenne del posto “gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commessi in pregiudizio della moglie 45enne, con l’aggravante di aver commesso i fatti in presenza dei figli minorenni”.

Le indagini sono partite in seguito alla denuncia orale presentato dalla vittima presso il locale Comando dell’Arma. La donna ha riferito ai militari di “reiterati episodi di violenza e maltrattamenti posti in essere dal coniuge nei suoi confronti sin dal 2017, anche in presenza dei figli minorenni”.

La vittima ha descritto “aggressioni fisiche e verbali, condotte violente e vessatorie in ambito domestico, generate da una gelosia ossessiva e riscontrate dalle dichiarazioni rese dalla vittima e dai testimoni, tra cui anche la figlia minore della coppia nonché dal materiale prodotto dalla parte offesa concernente conversazioni con l’uomo”.

La donna ha rappresentato altresì che mesi prima di sporgere denuncia si era recata presso un centro antiviolenza da cui era stata presa in carico.

In sede di esecuzione della misura del divieto di avvicinamento, l’indagato ha prestato il proprio consenso all’applicazione del dispositivo di controllo elettronico “braccialetto elettronico”.

Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari. Contro di essa sono ammessi mezzi di impugnazione. Il destinatario è una persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X Instagram

Trending