Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Banconote false: arrestate due persone

Pubblicato

il

guardia di finanza frode

Banconote false: gli indagati avrebbero immesso nei circuiti di pagamento della provincia di Napoli e di Caserta uno cospicuo numero di denaro contraffatto

Banconote false. Il 5 gennaio scorso, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta hanno eseguito un’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari. Ad emettere il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura. A finire ai domiciliari per effetto della misura cautelare due persone, indagate del delitto di detenzione e messa in circolazione di numerose banconote contraffatte.

L’esecuzione del provvedimento è avvenuta all’esito di un’articolata attività d’indagine, coordinata da questa Procura e condotta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Capua. L’indagine ha fatto emergere che gli indagati, originari dell’hinterland napoletano, avrebbero immesso nel circuito legale di pagamento un cospicuo numero di banconote false con la spendita presso diversi esercizi commerciali nelle province di Caserta e di Napoli.

Nel corso dell’attività d’indagine è emerso che, oltre alla detenzione e alla spendita di banconote false, gli indagati provvedevano anche alla vendita ed alla cessione di banconote false di diverso taglio (principalmente da 20, 50 e 100 euro), ad altre 5 persone indagate, che consapevolmente le acquistavano o comunque le ricevevano grazie alla loro opera di intermediazione. Il prezzo di acquisto delle banconote false da immettere in circolazione oscillava a seconda del valore nominale e della qualità della fattura delle stesse.

Le persone coivolte sono da ritenersi innocenti fino a sentenza definitiva e, in ogni caso, i provvedimenti sono stati adottati senza il contraddittorio con le parti e con le difese. Si precisa inoltre che il contraddittorio avverrà innanzi al Giudice terzo, che potrà valutare anche l’assenza di ogni forma di responsabilità in capo agli indagati.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X Instagram

Trending