Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Rubavano dati dallo Stato Civile per truffe fingendosi Carabinieri

Pubblicato

il

Rubavano dati dallo Stato Civile

Finti Carabinieri rubavano i dati dagli Uffici di Stato Civile. Indagine partita da Bologna. Indagati tutti di Castelfranco Emilia e Afragola

Rubavano i dati dagli Uffici di Stato Civile sul territorio nazionale. Otto sono le persone denunciate dal Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica dell’Emilia Romagna, tutti  pregiudicati di origini partenopee residenti nella zona di Castelfranco Emilia (MO) e Afragola (NA).

Il gruppo criminale è ritenuto responsabile di aver ottenuto i dati anagrafici di numerosi cittadini residenti nel territorio nazionale, simulando di essere appartenenti ad uffici investigativi dell’Arma dei Carabinieri di Parma e Torino.

Dopo aver acquisito i dati dei documenti di identità, grazie all’invio di email falsificate, venivano avviate le richieste di finanziamento dirette a società italiane del settore.

Il denaro ottenuto confluiva su conti correnti aperti nel Regno Unito, per poi tornare in Italia su rapporti finanziari riferibili al gruppo criminale.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bologna e dal Servizio Polizia Postale sono iniziate nel 2020, quando l’Ufficio di Stato Civile del Comune di Bologna segnalava alcune e-mail sospette. Esse erano apparentemente provenienti dai Comandi dell’Arma di Parma e Torino.

Gli investigatori, dopo un lungo e laborioso lavoro di analisi dei dati informatici relativi alle connessioni avvenute nei server che ospitavano le caselle di posta Elettronica, hanno individuato le utenze telefoniche reali dei cyber criminali nonostante fossero intestate a prestanome.

La collaborazione con gli istituti finanziari del Regno Unito, infine, ha permesso di analizzare i flussi di denaro canalizzati verso rapporti riferibili agli odierni indagati.

Gli esiti delle perquisizioni domiciliari, già effettuate e dirette agli  appartenenti al sodalizio criminale, hanno fornito importanti fonti di prova. 

Il procedimento penale è ancora in fase di indagini preliminari e gli indagati devono ritenersi innocenti fino ad una condanna definitiva.

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Trending