Quantcast
Connettiti con noi

News

Medici senza Carriere: Le certificazioni di malattia e il cartello illecito tra specialisti

Pubblicato

il

Medici senza carriere

Ancora medici di Medicina Generale in difficoltà a causa delle omesse certificazioni di malattia da parte di specialisti, definite cartello illecito da Medici senza Carriere

Secondo Medici senza Carriere si tratterebbe di un vero e proprio cartello quello che mira gli specialisti a non emettere certificazioni di malattia. Questa pratica illecita, oltre ad essere deleteria per i cittadini, mette a rischio i Medici di Medicina generale. Essi, infatti, se certificassero la malattia al posto altrui rischierebbero legalmente. Non solo, più volte al diniego del certificato hanno subito aggressioni fisiche.

“Un vero e proprio Cartello che da quando fu emanata la legge sulle certificazioni online attraverso un continuo passa parola, viola quella legge e delega illecitamente al Medico di Famiglia quello che è un compito di ciascun iscritto all’Ordine dei Medici”. Lo denuncia il dr. Renato De Blasio di “Medici senza Carriere” in una nota inviato in redazione.

“Nessuno in questi anni – continua – ha posto in essere atti tali da poter porre fine all’illecito certificativo. Il tutto a scapito di pazienti scaricati agli MMG con pesanti implicazioni medico-legali e non solo”.

A causa di una mancata certificazione un medico a Ruolo unico di Assistenza Primaria dell’Ambito di Aversa ha subito un aggressione con lancio di oggetti nel suo studio perché ha negato una certificato di malattia dopo un intervento chirugico. In quel caso il medico specialista avrebbe dovuto rilasciarlo. Non è però l’unico caso accaduto alla stesso medico tanto da indurlo a scrivere alla Procura di Napoli Nord. Lo ha annunciato sul suo profilo facebook.

“Un Cartello che alimenta un reato con l’indifferenza di molte Organizzazioni Sindacali di Categoria, che sembrano tollerare tutto questo, troppo impegnate a intrecciare accordi di poltrona”. Incalza ancora il dr. De Blasio, responsabilizzando anche le organizzazioni sindacali.

“L’articolo 55 septies del Decreto legislativo 30 marzo 2001 n°165 e della circolare 2/2010/DFP/DDI della Presidenza del Consiglio dei Ministri dipartimento della Funzione Pubblica del resto parlano chiaro. Definiscono il profilo di responsabilità a cui va incontro il Medico che omette la certificazione. Da Medici di Famiglia, e anche come Cittadini, diciamo basta e pretendiamo il rispetto della legge!” Così conclude il dr. Renato De Blasio di Medici senza Carriere.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Trending