Quantcast
Connect with us

Politica

Politiche: Siglato accordo tra Mastella e la DC di Sandri

Published

on

Sindaco di Benevento Clemente Mastella

Siglata l’intesa tra Clemente Mastella e la Democrazia Cristiana per le prossime politiche

Politiche. Il comitato di coordinamento nazionale della Dc ha approvato l’intesa con la lista Noi Di Centro-Mastella-Europeisti.

“La Democrazia Cristiana italiana – sottolinea il segretario nazionale Angelo Sandri – scende in campo in vista delle prossime elezioni politiche nazionali insieme a Noi di Centro dell’On. Clemente Mastella e gli “Europeisti” guidata dal Sen. Antonio Fantetti per ridare slancio ad una politica di Centro vera e non ‘annacquata’ da scelte di comodo dal neanche tanto vago sapore elettorale. La Democrazia Cristiana ha da sempre rappresentato il vero centro politico italiano, a servizio del popolo e non di potentati vari che antepongono interessi diversi a quelli del nostro Paese e del popolo italiano. In questo senso, quindi, la Democrazia Cristiana intende spendersi accanto a “Noi di Centro” ed “Europeisti” per difendere i valori fondamentali di Libertà, di Democrazia e di Sovranità popolare su cui si basa la nostra Costituzione e la nostra Repubblica italiana. Battaglia non certo facile, ma per contrastare i ‘comizi elettorali di ferragosto’, così come voluti dall’attuale classe politica parlamentare è necessario scendere in trincea e rimboccarsi le maniche per ridare al popolo quella dignità che i potenti di turno vorrebbero inesorabilmente cancellare”, conclude il segretario nazionale della Dc Sandri.

Nota stampa

Iscriviti al nostro canale Telegram

Politica

Ciampi (M5S): Gli sconfitti irpini alle elezioni provano a mettere le mani sull’acqua

Published

on

Ciampi M5S

Ciampi (M5S): Gli sconfitti irpini alle elezioni politiche continuano a contendersi soltanto poltrone. Oggi quelle della gestione dell’acqua

Il cosigliere regionale M5S per la Campania Vincenzo Ciampi interviene sulla gestione dell’acqua dove denuncia la spartizione delle poltrone tra gli sconfitti irpini alle elezioni politiche. In una nota stampa esprime il suo punto di vista

“Gli sconfitti irpini alle elezioni politiche provano a mettere le mani sull’acqua. Le forze politiche locali, quelle che sono state sonoramente sconfitte dai cittadini, che hanno votato il Movimento Cinque Stelle prima forza della provincia di Avellino, continuano a contendersi soltanto poltrone. Oggi quelle centrali e delicatissime relative alla gestione della risorsa acqua”. Così ha esordito il Consigliere Regionale della Campania Vincenzo Ciampi in una nota stampa inviata in redazione

“Il nuovo assetto degli enti d’Ambito, il destino dell’Alto Calore, sono ancora una volta terreno di contesa tra partiti (sconfitti) e non diventano progetto nell’interesse dei cittadini e dell’acqua pubblica”. Ha ancora rimarcato il consigliere regionale 5 stelle

“La nuova geografia istituzionale che si sta disegnando serve al redde rationem tra ex alleati. Politici disconosciuti dai cittadini si disinteressano totalmente delle questioni concrete e pensano alle proprie rivincite”. Ha dichiarato ancora Vincenzo Ciampi

“All’Eic e All’Alto Calore si assisterà alla semplice spartizione di poltrone anche sulla scorta della scellerata idea di De Luca di dividere gli ambiti territoriali idrici tra Irpinia e Sannio. Ogni passo falso renderà più facile l’aggressione di società private multinazionali che non aspettano altro che mettere le mani sul più grande bacino idrico del Continente”. Ha sottolineato il pentastellato

Anche l’accordo Campania-Puglia che è stato sbandierato dallo sconfitto Bonavitacola prima delle elezioni come una vittoria, fa parte di questo gioco solo di annunci. Che fortunatamente gli elettori non si sono… bevuti. L’accordo riporta in Irpinia un ristoro di 9 milioni l’anno in cambio della nostra acqua e della gestione totale della Pavoncelli Bis all’Acquedotto Pugliese. Con 9 milioni si paga un quarto della bolletta energetica all’Alto Calore (nel bilancio 2021 i costi per l’energia sono stimati in 22 milioni). Ha rimarcato ancora Ciampi

“In questo quadro, inoltre, come si può immaginare che quel ristoro serva a riparare condotte che perdono il 60% dell’acqua?

“Il fallimento dell’agenda Draghi per il Sud passa anche per il mancato impegno sulle risorse strategiche come l’acqua. Il M5S ha fatto una campagna sulla discontinuità dalle politiche nazionali imposte da Draghi che penalizzano il Sud. La nuova alleanza di centro destra a trazione nordista non farà che acuire questo divario e questo disinteresse”. Ha continuato Ciampi sul falllimento dell’agenda Draghi al Sud

“Un tavolo sulle risorse della nostra provincia dovrebbe anticipare ogni iniziativa basata sugli interessi particolari, ma su questo la Regione resta sorda e i servi sciocchi restano muti”. Così ha concluso.

Iscriviti al nostro canale telegram

Continue Reading

Politica

Insegnante ucciso, Nappi: subito interventi per sicurezza scuole

Published

on

Insegnante ucciso
Foto redazione

Insegnante ucciso a Melito, Nappi (Lega): Un pensiero alla famiglia che in queste ore affronta il dolore per una morte orrenda e assurda

Insegnante ucciso a Melito, Nappi interviene sulla vicenda. “La scuola è il luogo dove si promuove la cultura della legalità, la partecipazione, il vivere civile. È un luogo sacro. Oggi a Melito, con l’efferato omicidio di Marcello, insegnante di sostegno, questo luogo è stato profanato. L’emergenza criminalità in Campania è un tema su cui riflettere perché si lega al fenomeno dell’abbandono e della dispersione scolastica. Sono certo che il prossimo Governo di centrodestra interverrà per garantire maggiore sicurezza ai nostri figli e per tutelare il mondo della scuola. Un pensiero alla famiglia che in queste ore affronta il dolore per una morte orrenda e assurda”.

È quanto dichiara attraverso i propri canali social, Severino Nappi, consigliere regionale della Lega e componente della Commissione Istruzione del Consiglio regionale della Campania.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

Politica

M5S, Maura Sarno: ricomincio da 73811

Published

on

M5S, Maura Sarno: ricomincio

Maura Sarno (M5S): Resto orgogliosa del mio risultato e ringrazio di cuore i 73.811 elettori che hanno votato me e il M5S, ricomincio

La candidata M5S Maura Sarno non eletta ringrazia coloro che le hanno dato fiducia, “ricomincio da 73.811 consensi”. La sua comunicazione attraverso una nota stampa inviata in redazione.

“Movimento 5 Stelle primo partito al Senato nel mio Collegio con 73.811 voti raccolti. Vince comunque la coalizione di Centrodestra nonostante sia la più votata per singolo partito. Infatti io con il M5s 73.811 voti, poi la Cosenza in FdI con 63.946 voti e Iannace del PD con 61.940 voti”. Ha esordito così la Sarno, commentando il risultato elettorale.

“All’uninominale si sa il candidato unico facente parte di una coalizione beneficia anche della percentuale aggiunta dei partiti in coalizione. Resto orgogliosa del mio risultato e ringrazio di cuore i 73.811 elettori che hanno votato me e il M5S”. Ha continuato l’esponente del 5 stelle

“Grazie per la fiducia accordatami. Ora si riparte dalla organizzazione sui territori per essere sempre più presenti e forti. A tutti gli eletti auguro buon lavoro”. Così ha concluso Maura Sarno.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

Politica

Politiche 2022, analisi del voto in Campania

Published

on

Politiche 2022, analisi del voto
Di Ffeeddee - Opera propria, CC BY-SA 3.0, commons.wikimedia.org

Concluse le elezioni Politiche 2022, al via analisi del voto del quadro elettorale in base ai numeri

Analisi del voto in Campania per le elezioni politiche 2022. La riduzione del numero dei Parlamentari del referendum del settembre 2020, non ha solo dato un taglio drastico sugli eletti tra Camera e Senato, ha anche ampliato il numero dei comuni che rappresentano i collegi.

Per questo motivo abbiamo verificato la differenza elettorale tra i vari partiti. Ci siamo basati sulle votazioni avvenute in Campania. Abbiamo così confrontato le Politiche 2018 con quelle del 2022 alla Camera dei Deputati. Abbiamo, infatti, analizzato i due collegi campani, sommando i dati.

Dai dati forniti dal Ministero dell’Interno, attraverso la piattaforma Eligendo, possiamo verificare come sia calato il numero degli aventi diritto al voto. Essi dai 4.559.087 del 2018 al 4.510.722. Sono 48.365 gli elettori che hanno deciso di non tornare al voto, rispetto al 2018.

Verificando i dati dei partiti possiamo sottolineare come il Movimento 5 Stelle si conferma primo partito campano.

Andando però più nel dettaglio, tra le due elezioni, i 5 Stelle non hanno ottenuto la riconferma da 690.869 cittadini. Passano così dai 1.487.505 del 2018 ai 796.636 delle attuali politiche, divenendo difatti anche il partito che ha perso più consenso in Campania. 

Dall’altro canto, gli elettori che hanno seguito i due ex fuoriusciti dal Movimento 5 Stelle, sono molto inferiori alle aspettative. Né Impegno Civico di Luigi Di Maio, infatti, né Italexit di Pierluigi Paragone sono riusciti ad intercettare gli elettori persi dai grillini. Hanno ottenuto “solo” 40.805 voti Di Maio e 25.870 voti Paragone.

Per quanto riguarda la coalizione di centrosinistra, sembra quasi invariata la situazione del Partito Democratico. Perde, infatti, “solo” 36.814 elettori, passando dai 396.684 (2018) ai 359.870 (2022).

Tale elettorato molto probabilmente ha seguito, verosimilmente, la lista di Carlo Calenda e Matteo Renzi, che ha ottenuto in regione Campania 120.177 voti.

Mentre +Europa è riuscita ad aumentare il proprio consenso cittadino di 5.617 nuovi elettori, 40.929 del 2018 e 46.546 del 2022.

Stesso discorso vale per i Verdi, che a differenza di quattro anni fa, hanno unito le forze con Sinistra di Fratoianni. Mandano però in soffitta l’alleanza con il Partito Socialista Italiano e Area Civica, passando così da 26063 voti del 2018 ai 63396 di quest’anno.

Il confronto tra la coalizione presentata nel 2018 con quella del 2022 è però positivo, il centrosinistra passa dai 493.204 voti agli attuali 510.617.

Parliamo invece dei vincitori di queste Politiche nazionali, ovvero il centrodestra.

Il successo nazionale di Fratelli d’Italia è stato determinante nel collegio di Campania 2 (Caserta, Avellino, Benevento e Salerno con 239.860), ma non ha influito su Campania 1(Napoli). Dove i 5 stelle hanno vinto tutti gli uninominali, allo stesso tempo, l’aumento di elettorato è evidente pure nella nostra Regione. Il partito di Giorgia Meloni passa dai 104.797 del 2018 ai 401.709 delle attuali politiche, diventando il dato elettorale positivo più alto del centrodestra. Nella coalizione di centrodestra, chi invece ha avuto un forte calo è Forza Italia, perdendo 325.635 elettori in quattro anni, arrivando a 549.063 voti.

Frena, non di molto, l’ascesa campana della Lega di Matteo Salvini, che passa così dai 102.090 del 2018 ai 129.432 del 2022.

Il confronto tra la coalizione presentata nel 2018 con quella del 2022, a differenza del centrosinistra, è negativo. Infatti passa dai 833.873 voti del 2018 agli attuali 743.007, perdendo così 908.66 elettori.

Ultimo partito che analizzazziamo è Unione Popolare, progetto politico unitario che vede Potere al Popolo al suo interno.

Il confronto tra la lista di Potere al Popolo del 2018 e Unione Popolare di quest’anno, non varia molto il risultato elettorale. Si passa, infatti, dai 47.017 del 2018 ai 45.512 di queste elezioni.

Di seguito lo schema tabellare dell’analisi del voto delle Politiche 2022 con il confronto tra le le elezioni del 4 marzo 2018 e il 25 settembre 2022 in base ai numeri.

Elezioni Politiche 25 settembre 2022
Campania 1Campania 2Totale
Movimento 5 Stelle483.699
(voti)
312.937
(voti)
796.636
(voti)
Fratelli d’Italia161.849
(voti)
239.860
(voti)
401.709
(voti)
Forza Italia111.603
(voti)
111.825
(voti)
223.428
(voti)
Lega33.636
(voti)
68.454
(voti)
102.090
(voti)
Partito Democratico168.654
(voti)
191.216
(voti)
359.870
(voti)
Verdi*35.867
(voti)
27.529
(voti)
63.396
(voti)
PiùEuropa24.200
(voti)
22.346
(voti)
46.546
(voti)
Unione Popolare*30.382
(voti)
16.635
(voti)
47.017
(voti)
Centrodestra314.053
(voti)
428.954
(voti)
743.007
(voti)
Centrosinistra253.603
(voti)
257.014
(voti)
510.617
(voti)
Votanti1.208.2331.194.8452.403.078
Elettori2.379.1672.131.5554.510.722
Tabella riassuntive Politiche 25 settembre 2022 di Campania 1 e Campania 2
Elezioni Politiche 4 marzo 2018
Campania 1Campania 2Totale
Movimento 5 Stelle828.359
(voti)
659.146
(voti)
1.487.505
(voti)
Fratelli d’Italia39.491
(voti)
65.306
(voti)
104.797
(voti)
Forza Italia275.772
(voti)
273.291
(voti)
549.063
(voti)
Lega44.246
(voti)
85.186
(voti)
129.432
(voti)
Partito Democratico186.596
(voti)
210.088
(voti)
396.684
(voti)
Verdi*6.421
(voti)
19.642
(voti)
26.063
(voti)
PiùEuropa18.626
(voti)
22.303
(voti)
40.929
(voti)
Unione Popolare*27.376
(voti)
18.136
(voti)
45.512
(voti)
Centrodestra383.314
(voti)
450.559
(voti)
833.873
(voti)
Centrosinistra218.842
(voti)
274.362
(voti)
493.204
(voti)
Votanti1.568.7931.539.5733.108.366
Elettori2.401.0032.158.0844.559.087
Tabella riassuntive Politiche 4 marzo 2018 di Campania 1 e Campania 2
Differenza voti tra 2018 e 2022
Movimento 5 Stelle-690.869 (voti)
Fratelli d’Italia296.912 (voti)
Forza Italia-325.635 (voti)
Lega-27.342 (voti)
Partito Democratico-36814 (voti)
Verdi*37333 (voti)
PiùEuropa5617 (voti)
Unione Popolare*1505 (voti)
Centrodestra-90866 (voti)
Centrosinistra17413 (voti)
Votanti-705.288
Elettori-48.365
Tabella differenza tra Politiche 2018 e 2022

Iscriviti al nostro canale Telegram

Continue Reading

Politica

Vittoria cento-destra, Adinolfi (FI): Ruolo determinate, ora al lavoro

Published

on

Vittoria cento-destra
Foto da Nota Stampa Isabella Adinolfi

Vittoria cento-destra, Adinolfi (FI): ora siamo pronti a lavorare per il bene del nostro Paese

“Forza Italia ha avuto un ruolo determinante per la vittoria del centro-destra e ora, con grande senso di responsabilità, siamo pronti a lavorare per il bene del nostro Paese. Si apre una nuova fase per l’Italia, che ha voglia di ripartire, proprio come ci hanno chiesto a gran voce i nostri elettori. E sono sicura che il centro-destra ha le competenze giuste per tirare fuori il Paese dalla crisi che sta attraversando”. Così l’eurodeputata salernitana e vice coordinatore regionale di Forza Italia, Isabella Adinolfi, commenta il voto elettorale.

“È stata una campagna elettorale atipica, breve ed estiva, con la guida del coordinatore regionale Fulvio Martusciello in Campania è stata cruciale, caratterizzata da un grande lavoro di squadra e soprattutto da tanti incontri e confronti, con cittadini, imprese, associazioni di categoria, per ascoltare le loro reali esigenze – aggiunge l’eurodeputata – La presenza di Antonio Tajani, oltre a quella del presidente Berlusconi, rappresenta un valore aggiunto poiché le sfide che ci attendono richiedono competenza ed esperienza.” 

“Al di là delle formazioni, è fondamentale subito rimboccarsi le maniche e lavorare perché i problemi del Paese da risolvere sono tanti, in primis i rincari energetici che gravano su famiglie e imprese. A loro dobbiamo risposte immediate” conclude il vice coordinatore regionale. 

Nota Stampa dell’eurodeputata Isabella Adinolfi

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

Politica

Elezioni. Piero De Luca: Opposizione seria

Published

on

Elezioni De Luca Nessuna autonomia

Elezioni, Piero De Luca (PD): Necessaria una scossa che riparta anzitutto dai territori da chi ha radicamento e presenza reale nelle nostre comunità

Elezioni, Piero De Luca interviene sul risultato del voto e punta su una opposizione seria. Lo ha detto in una nota stampa.

“È stata una campagna elettorale in salita. In un momento di grande difficoltà economica e sociale. Le sfide erano difficili in partenza, soprattutto nei collegi uninominali e ringrazio il segretario Letta per non essersi risparmiato mai”. Così esordito Piero De Luca deputato PD.

“Abbiamo dato il massimo per indicare una strada da percorrere, per non lasciare indietro nessuno e costruire l’Italia dei prossimi anni. Rispettiamo il risultato elettorale e auguriamo buon lavoro alla coalizione che avrà l’onere e l’onore di governare il Paese”. Ha aggiunto ancora il deputato dem.

“A noi la responsabilità di un’opposizione seria e decisa. Con spirito costruttivo, ma con determinazione e intransigenza se dovessero essere messi in discussione la collocazione europeista del Paese, così come diritti e libertà fondamentali”. Ha ancora rimarcato.

“Abbiamo poi il dovere di aprire una riflessione chiara e decisa al nostro interno, in vista del prossimo congresso. È necessaria una scossa che riparta, anzitutto, dai territori. Da chi ha radicamento e presenza reale nelle nostre comunità”. Ha sottolineato.

“E avviare una forte e netta discussione di chiarimento programmatico. Quale sarà l’identità, la natura, la direzione di marcia e, direi, l’esistenza stessa di una grande forza come il Partito Democratico, dipenderà da questo passaggio decisivo. Ringrazio tutti i cittadini che ci hanno sostenuto da Nord a Sud del Paese. E rilevo il risultato importante ottenuto nei due capoluoghi di provincia, Avellino e Salerno, che hanno portato il Partito Democratico ad essere la prima forza politica in assoluto, raggiungendo le cifre più alte del Mezzogiorno, di gran lunga superiori alla media nazionale. Un attestato di stima e fiducia da cui ripartire a livello territoriale e nazionale”. Ha così concluso Piero De Luca, deputato del Partito Democratico.

Iscriviti al Nostro Canale Telegram

Continue Reading

Trending

Punto! il Web Magazine


"Punto!" il Web Magazine è un giornale Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto e Carmine Sgariglia.

Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano.

Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011.


Direzione


Direttore Responsabile

Carmine Sgariglia

Direttore Editoriale

Vincenzo Perfetto


Copyright


Copyright © 2011 - 2022

Punto! il Web Magazine"