Connect with us

Sports

Euro 2020, il tifoso inglese che si è tatuato la Coppa: “Sono tormentato dai tifosi italiani”

Published

on

Foto dal Web

Lewis Holden è diventato famoso in tutto il mondo per essere tatuato il trofeo prima della partita: “Sono distrutto […] Ma il tatuaggio me lo tengo”

Dopo la vittoria dell’Italia a Euro 2020, non sono mancati gli sfottò verso i tifosi inglesi, in particolare verso Lewis Holden.

Il tifoso inglese, infatti, è diventato “famoso” sul web grazie al suo tatuaggio fatto prima della finale Italia-Inghilterra, della coppa con la scritta “England Winners, It’s coming home”.

Come riportano numerose testate giornalistiche Holden ha raccontato la sua esperienza al Manchester Evening News. “Sono distrutto, chi non lo sarebbe? Ma il tatuaggio me lo tengo. Ho avuto 500 richieste di amicizia su Facebook da italiani durante la notte dopo la finale. Il mio telefono non ha mai smesso di suonare. Non ho idea di cosa vogliano, ma non so come liberarmene.”. 

Holden però non sembra aver imparato la lezione, infatti, ha continuato:  “Se l’anno prossimo in Qatar arriviamo in finale, andrò di nuovo dal tatuatore e mi farò scrivere ‘England World Cup 2022 winners'”.

Articolo in collaborazione con CaffetteriaMartini Stanleybet-Qualiano

Sports

Napoli: Meret rinnova solo con un posto da titolare

Published

on

Foto da Profilo Instagram Meret

La società sta provando da tempo a trovare la quadra per il rinnovo, perché considera Meret un patrimonio da blindare, ma la situazione non è al momento facile

Dopo le parole dell’agente di Meret, il Corriere dello Sport spiega che il portiere azzurro, con il contratto in scadenza nel 2023, non è detto resti a Napoli anche in futuro.

La società azzurra sta provando da tempo a trovare un accordo per il rinnovo del portiere, perché considera Meret un patrimonio da blindare, ma la situazione non è al momento facile.

Meret, infatti, non avverte la fiducia degli allenatori. Vuole continuità per restare a Napoli. 

Continue Reading

Sports

Coppa Italia Eccellenza, Agropoli batte Napoli UTD 2-1

Published

on

Questo è il responso della gara di andata degli ottavi di finale della Coppa Italia Eccellenza; Agropoli in 10 uomini ha la meglio su Napoli UTD

Finisce due a uno per i delfini l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia Eccellenza. I delfini, in dieci uomini, la ribaltano nei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara grazie alle reti di Yeboah e Margiotta.

Mister Cianfrone cambia molto nella formazione dal primo minuto e lancia subito in campo il classe 2004 Marotta che disputerà un’ottima gara.

Il primo squillo della sfida è di Soprano per gli ospiti ma Centrangolo è bravo a deviare in angolo.

La gara, nonostante buoni ritmi, non vede grandi palle gol. Al ventesimo i delfini protestano per un atterramento in area di Yeboah.

Situazione analoga al 33esimo con Perretti che trattiene ancora una volta Yeboah all’interno dell’area ma anche in questa circostanza per Oliva non ci sono gli estremi per la massima punizione. E’ questo, inoltre, l’ultimo squillo della prima frazione.

Nella ripresa i delfini trovano subito la porta con Natiello dopo appena venti secondi di gioco ma il destro del centrocampista è bloccato facilmente da Giordano.

Al 13esimo si rivede il Napoli United ma il destro di Navarrete è troppo debole per impensierire Cetrangolo.

Un minuto più tardi però il gol degli ospiti, questa volta Navarrete trova la rete dopo un pallone filtrante del centrocampo partenopeo e supera Cetrangolo in uscita bassa. La partita si infiamma e ne fa le spese Soprano, centrocampista degli ospiti, espulso dopo un parapiglia all’altezza delle panchine.

Il Napoli United resta però in undici giocatori in quanto Soprano era stato già sostituito. Alla mezz’ora a restare invece in dieci uomini è invece l’Agropoli per il doppio giallo a Costantino.

I delfini però restano vivi e al 37esimo della ripresa sfiorando il gol con Natiello ma il numero dieci dei delfini non trova il pallone su un ottimo pallone di De Cristofaro.

Nei cinque minuti di recupero l’Agropoli la ribalta. Al 46esimo Yeboah supera Giordano dopo una sponda di Margiotta e all’ultimo respiro è invece Margiotta a siglare il due a uno con un colpo di testa su traversone di Natiello. 

I delfini superano dunque il Napoli United nell’andata di Coppa Italia di Eccellenza. Il 27 Ottobre il ritorno che deciderà il passaggio del turno. 

AGROPOLI: Cetrangolo, Trabelsi (25’st Grieco), Matrone, Costantino, Della Guardia, Marotta (46’st Guzzo), Monzo (47’st Agresta), Masocco (De Cristofaro), Yeboah, Natiello, Roghi (46’st Margiotta). All. Cianfrone

NAPOLI UNITED: Giordano, Fernandes, Medaglia, Soprano, Barone (8’st Giordano), Lautaro (8’st Minutella), Perretti (21’st Scheler), Oliva, Sheriff (39’pt Navarrete), Akrapovic, Ciranna. All. De Francesco (Maradona squalificato)

RETI: 11’st Navarrete (N) – 46’st Yeboah, 49′ Margiotta (A)

AMMONIZIONI: Natiello, Costantino, Della Guardia (A) – Lautaro, Ciranna (N) – ESPULSI: Soprano (N), Costantino (N)

ARBITRO: Oliva di Nocera Inferiore – Assistenti: Cafisi e Trotta di Nocera Inferiore

Nota stampa US Agropoli 1921

Continue Reading

Sports

57° Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini”, primo titolo italiano per la Campania

Published

on

57° Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” – Trofeo Kinder Joy of Moving a Riccione arriva il primo titolo italiano per la Campania

RICCIONE- Nella quarta giornata del 57° Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” – Trofeo Kinder Joy of Moving arriva il primo titolo italiano per la Campania.

Nina De Curtis, dell’Accademia Olimpica Beneventana si laurea campionessa italiana nella categoria Giovanissime.

Nonostante la sconfitta in finale 9-8, la beneventana si aggiudica il titolo nazionale perché la sua avversaria, in gara con la società lombarda, è di nazionalità svizzera.

Martedì la kermesse si è aperta nel segno della specialità della spada e le Giovanissime sono state le prime spadiste a scendere in pedana.

Nina De Curtis Francesca Boscarelli e Dino Meglio

Nella performance di ieri Nina De Curtis dell’Accademia Olimipica Beneventana ha condotto la sua prestazione con nettezza vincendo tutti gli assalti del girone.

La sannita si è arresa solo nell’ultimo atto contro Dana Rezzonico, in rappresentanza della Pro Patria Busto Arsizio.

Precedentemente l’allieva di Francesca Boscarelli e di Dino Meglio aveva incontrato in semifinale la ligure Ambra Moschini e l’aveva superata 10-4; la ragazza oltralpe, invece, aveva conquistato la finale battendo Francesca Aina della Pro Novara Scherma 10-2.

È anche un titolo nazionale storico per la città di Benevento in quanto è la prima volta che un’atleta beneventana si laurea campionessa italiana di spada nella categoria Giovanissimi.

Un risultato frutto di sinergia che appaga il lavoro dei tecnici dell’Accademia Olimpica Beneventana e che fa sorridere tutta la Campania.

Nota stampa

Continue Reading

Sports

Napoli – Torino: Meret verso una maglia da titolare

Published

on

Foto Archivio

Spalletti potrebbe decidere di puntare su Meret per la gara di domenica contro il Torino

Dopo gli impegni delle nazionali, il Napoli è pronto a riaccogliere i propri giocatori. Sono infatti attesi a Castelvolturno Meret, Di Lorenzo e Insigne, reduci dal successo dell’Italia ieri contro il Belgio e Osimhen che con la Nigeria ha battuto la Repubblica Centrafricana a Douala.

L’ultimo giocatore azzurro a rientrare a Castelvolturno sarà David Ospina. Il portiere colombiano dovrà giocare giovedì Colombia-Ecuador e rientrerà in Italia solo venerdì sera.

Spalletti avrà solo la rifinitura di sabato per verificare le condizioni di Ospina e non è escluso che col Torino possa tornare in campo il portiere azzurro Meret.

Articolo in collaborazione con CaffetteriaMartini Stanleybet-Qualiano

Continue Reading

Sports

Basket, Virtus Bava Pozzuoli batte Tecnoswitch Ruvo di Puglia

Published

on

Virtus Bava Pozzuoli mette a segno una vittoria di cuore per 87 a 85 contro Technoswitch Ruvo di Puglia

Vittoria meritata per la Virtus Pozzuoli, che batte la quotata Ruvo di Puglia 87-85 grazie ad un canestro allo scadere del capitano Mario Caresta, dopo aver rischiato di perdere, nonostante il vantaggio durato per ben tre quarti.

Gli ospiti aprono la gara con una tripla di Cantagalli, Pozzuoli risponde con un canestro di Thiam, ma Ruvo si mantiene sempre leggermente in vantaggio. Al 4’ le sorti della gara si girano in favore dei gialloblu ed è Rossi a segnare il canestro del sorpasso. A poco a poco la Virtus comincia a costruire il suo vantaggio grazie a Gallo e alla tripla di Gaye che sancisce il +10 all’8’. Il primo quarto termina 26-14.

È una tripla di Rossi a far iniziare il secondo periodo e si passa a +15. All’11 Ruvo inizia a rimontare con il tiro di Hidalgo e la tripla di Cantagalli. Al 12’ Pozzuoli si riporta a +10 con il canestro dall’area di Thiam e passa a +14 con la tripla di Rossi al 14’. I pugliesi rispondono a tono con il tiro dalla distanza di Ciribeni. Al 16’ Ippedico riduce lo svantaggio dei suoi a -9, ma la schiacciata di Thiam riporta i flegrei a +11. Ruvo ingrana nuovamente con Ciribeni e il secondo quarto si conclude sul 47-38.

Alla ripresa è ancora la Virtus con Iba Koite Thiam a comandare, poi, grazie al canestro di Gallo al 23’, si ritorna a +15. Al 25’ Ruvo cambia marcia e inizia ad avvicinarsi pericolosamente a Pozzuoli: si inizia con Cassar e Hidalgo. Cantagalli al 27’ segna il canestro del -8 e, con la tripla di Ciribeni al 29’, il vantaggio locale si riduce a +5, infatti il terzo quarto si chiude 66-61.

All’inizio dell’ultimo periodo gli ospiti si mostrano aggressivi e con i canestri di Cassar e Mastroianni arrivano a -1 al 31’. Il tiro di Cantagalli segna il sorpasso di Ruvo, la Virtus trema e subisce la tripla di Cassar: è -6 per Pozzuoli al 32’. Rossi prova a recuperare e segna da due, ma Cantagalli risponde da tre e si passa a -7. Negli ultimi cinque minuti la Virtus riprende in mano la situazione con Thiam che realizza da due. Al 38’ il canestro di Gallo segna la parità ed è sempre lui a conquistare il +3 con canestro e libero aggiuntivo, ma Cantagalli realizza da tre ed è di nuovo parità al 39’. Ecco, allora, che a 20’’ dalla fine il capitano Mario Caresta riceve la palla e segna il canestro della vittoria ottenuta per 87-85.

VIRTUS BAVA POZZUOLI – TECNOSWITCH RUVO DI PUGLIA 87-85

VIRTUS BAVA POZZUOLI: Rossi 20, Gaye 7, Gallo 19, Potì 12, Esposito, Cagnacci ne, Caresta 5, Longobardi, Thiam 22, Manojlovic 2, Sequani. All: Tagliaferri.

TECNOSWITCH RUVO DI PUGLIA: Cantagalli 24, Ciribeni 11, Mastroianni 10, Hidalgo 9, Bartolozzi 6, Cassar 16, Monina, Markovic 6, Di Terlizzi ne, Ippedico 3. All: Ponticiello.

ARBITRI: Guarino e Palazzo di Campobasso

NOTE Parziali: 26-14, 47-38, 66-61. Tiri liberi: Pozzuoli 16/18 – Ruvo di Puglia 17/24. Tiri da 3: Pozzuoli 7/26 – 8/19. Rimbalzi: Pozzuoli 33 (Thiam 9) – Ruvo di Puglia 39 (Cassar 8). Usciti per 5 falli: Gaye, Ciribeni.

Nota stampa Virtus Bava Pozzuoli

Continue Reading

Sports

Italia-Spagna: Insigne titolare, dubbio centravanti

Published

on

Foto Archivio

L’edizione odierna della Repubblica si sofferma sulla sfida che attende l’Italia contro la Spagna per la semifinale di Nations League

L’edizione odierna della Repubblica ha parlato della sfida che attende l’Italia contro la Spagna per la semifinale di Nations League.

Un’ipotetica finale di domenica potrebbe portare il Ct azzurro a schierare in difesa Bastoni al posto di Chiellini e al ballottaggio a centrocampo tra Locatelli e Verratti.

Il vero dilemma resta l’attacco, dove vista l’assenza di Ciro Immobile causa infortunio si giocano un posto da titolare Raspadori e Kean e la soluzione più pronosticata, oppure il falso nove con Insigne tra Chiesa e Berardi.

Articolo in collaborazione con CaffetteriaMartini Stanleybet-Qualiano

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2021 - Punto! il Web Magazine | Privacy