Connect with us

Politica

Rifondazione comunista: chiesta in parlamento commissione d’indagine su Marigliano

Published

on

La Sen Paola Nugnes presenta l’interrogazione per chiedere al Ministro dell’Interno una commissione d’indagine per ripristinare la legalità a Marigliano

La senatrice Paola Nugnes, in qualità di rappresentante del Partito della Rifondazione Comunista in Parlamento, ha presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Ministro dell’Interno l’intervento di una commissione di indagine per il ripristino della legalità, della trasparenza istituzionale e della democrazia nel Comune di Marigliano.

In particolare l’interrogazione fa riferimento alle diverse anomalie che hanno coinvolto il comune prima e dopo l’arresto dell’ex sindaco Carpino, ponendo l’attenzione sui provvedimenti amministrativi irregolari e/o poco trasparenti i quali hanno riguardato pure le questioni urbanistiche, ambientali e le assunzioni del personale nel settore rifiuti. Su quest’ultimo punto abbiamo sostenuto e continueremo a sostenere la lotta dell’operaio Sebastiano Piccolo il quale ha denunciato pubblicamente i metodi clientelari adottati per l’assunzione dei lavoratori destinati alla raccolta dei rifiuti comunali escludendolo da un possibile impiego nonostante i propri requisiti professionali.

La senatrice Nugnes ha accolto le indicazioni del lavoro politico e delle segnalazioni effettuate dal Partito della Rifondazione Comunista di Marigliano in collaborazione con l’ex consigliere comunale Saverio Lo Sapio, del Movimento Oxigeno, affinché si possa fare luce sulle vicende scandalose e camorristiche che allontanano la nostra comunità dalla democrazia così come dalla giustizia sociale.

Riportiamo di seguito il testo dell’atto:

Interrogazione a risposta orale 3-02123

presentata da PAOLA NUGNES mercoledì 25 novembre 2020

NUGNES – Al Ministro dell’interno. – Premesso che:

il Comune di Marigliano è stato colpito dall’arresto del sindaco Antonio Carpino, avvenuto il 21 luglio 2020, per “scambio elettorale politico-mafioso” e “corruzione elettorale aggravata dal metodo mafioso”, in relazione a reati che sarebbero stati commessi tra il mese di ottobre 2014 e il mese di giugno 2015;

durante l’amministrazione Carpino si è resa evidente, ad avviso dell’interrogante, una crisi della gestione democratica e del rispetto della legalità, con il verificarsi a Marigliano di una serie di anomalie tra cui: un vile attentato eseguito con una bomba molotov contro l’automobile del responsabile del settore urbanistica, costretto a lasciare l’incarico; l’eliminazione delle fasce di rispetto per i Regi Lagni, i canali borbonici di raccolta delle acque piovane e sorgive, in spregio al parere del tecnico comunale; le assunzioni di decine di operai per la gestione dei rifiuti comunali che, secondo quanto risulta all’interrogante, sarebbero avvenute secondo modalità poco trasparenti e con probabili meccanismi clientelari, che non hanno tenuto conto di criteri in base al reddito e ai requisiti professionali, come denunciato da un operatore ecologico; il rinvio a giudizio di 61 dipendenti comunali (“furbetti del cartellino”) tra i quali alcuni sono stati sospesi ed altri sono stati destinati ad incarichi di prestigio e responsabilità;

l’arresto dell’ex sindaco Carpino è avvenuto dopo pochi giorni dalla sua dichiarazione ufficiale di ricandidatura a sindaco presso il Comune di Marigliano;

in seguito all’arresto è stato nominato un commissario straordinario, che ha condotto il Comune di Marigliano alle nuove elezioni;

considerato che:

secondo quanto risulta all’interrogante, prima e durante le nuove elezioni, svoltesi il 20 e 21 settembre 2020, sono avvenute gravi inadempienze da parte dell’apparato comunale che non ha provveduto a consegnare per tempo le tessere elettorali ai cittadini, i quali sono stati costretti ad attese lunghissime, in assembramenti pericolosi, arrivando a rinunciare al libero voto e a segnalare nuovamente pratiche clientelari di voto di scambio;

queste anomalie sono state segnalate all’amministrazione comunale, alla Prefettura di Napoli e all’opinione pubblica tramite proteste ed esposti,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti esposti e, qualora corrispondano al vero, quali iniziative urgenti intenda assumere di fronte a simili violazioni della legalità, delle libertà costituzionali, della trasparenza istituzionale e della sospensione, di fatto, della democrazia;

se ritenga necessario intervenire, sollecitando il prefetto territorialmente competente, affinché nomini una commissione d’indagine con potere di accesso e accertamento, al fine di verificare la correttezza degli atti amministrativi presi in considerazione e di adottare ogni provvedimento utile al ripristino della normalità amministrativa dell’ente, liberandolo da ogni malfunzionamento e condizionamento clientelare o mafioso, così come previsto dall’articolo 143 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo n. 267 del 2000).

Circolo “Che Guevara” Prc Marigliano
Facebook: Partito della Rifondazione Comunista – Marigliano

Politica

Mafia, Nappi (Lega) “Aumento segnalazioni sospette è allarme, appello a sistema credito campano”

Published

on

severino nappi
Foto Archivio

Nappi: “Nella nostra regione l’aumento del 16 per cento delle operazioni sospette legate all’emergenza Covid rappresenta un campanello d’allarme”

“Tutti i lavoratori devono poter mettere un piatto a tavola. Se lo Stato impone che le imprese chiudono, è altrettanto doveroso che si garantisca agli imprenditori di vivere con il minimo essenziale fin quando non usciremo da questo incubo. E’ passato un anno ormai, il bisogno delle famiglie cresce. Nella nostra regione l’aumento del 16 per cento delle operazioni sospette legate all’emergenza Covid, rappresenta un campanello d’allarme che non possiamo ignorare. Se prima la longa manus della criminalità sulle attività era un rischio, ora è una drammatica realtà per migliaia di campani. A maggiori restrizioni devono corrispondere maggiori e tempestivi aiuti alle piccole imprese che faticano a sopravvivere. Faccio un appello al sistema del credito campano perchè, almeno in questa situazione, faccia presto ad erogare le misure promesse dal governo perchè, seppure esigue, consentono al tessuto imprenditoriale di tirare a campare invece di rivolgersi agli usurai”.

Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere regionale della Lega in Campania.

Nota Stampa Severino Nappi

Continue Reading

Politica

Napoli, Nappi (Lega) “immagini capitozzature selvagge vergognose”

Published

on

severino nappi
Foto Archivio

Nappi: “Vietare questa tecnica di potatura, peraltro già messa al bando dagli esperti, promuovere iniziative locali per lo sviluppo dei Piani verdi urbani”

“Le immagini delle capitozzature selvagge agli alberi di piazza Bellini sono vergognose. Non solo non servono a mettere in sicurezza l’area ma aumentano i pericoli per i cittadini perchè i nuovi rami saranno più fragili e meno resistenti al vento. Così il capitolo sull’incuria e la trascuratezza sul fronte del verde pubblico a Napoli da parte dell’amministrazione De Magistris, dopo la strage di pini secolari a Posillipo, il crollo dell’arco borbonico sul lungomare e lo stato di abbandono di San martino, si arricchisce di un nuovo desolante capitolo. Vietare questa tecnica di potatura, peraltro già messa al bando dagli esperti, promuovere iniziative locali per lo sviluppo dei Piani verdi urbani, avviare contratti di sponsorizzazione e accordi di collaborazione per il reperimento delle risorse con soggetti pubblici e privati: sono solo alcune delle nostre proposte per contrastare il degrado e rafforzare la sicurezza a Napoli”.

Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere regionale della Lega in Campania e coordinatore della Lega di Napoli.

Nota Stampa Carabinieri

Continue Reading

Politica

Maxi processo contro la ‘ndrangheta, Adinolfi (M5S) : “si rompe ogni giorno sempre di piu’ il muro di omertà”

Published

on

Foto Archivio

Adinolfi: “Il merito, in questo caso, va alla caparbietà del procuratore capo Gratteri, che non si è mai arreso, guadagnandosi la fiducia di cittadini e imprenditori”

“Oggi, dal Sud, dalla Calabria, arriva un messaggio importante: lo Stato c’è e i cittadini si fidano sempre di più, denunciando ogni illegalità”. Così, l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Isabella Adinolfi, commenta l’avvio stamani a Lamezia Terme del maxi-processo “Rinascita Scott” contro le cosche di ‘ndrangheta del vibonese, frutto del lavoro incessante in prima linea del procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri,

“Giorno dopo giorno si rompe sempre di più quel muro di silenzio e di omertà di cui si sono sempre nutrite le mafie – conclude l’On. Adinolfi – Il merito, in questo caso, va alla caparbietà del procuratore capo Gratteri, che non si è mai arreso, guadagnandosi la fiducia di cittadini e imprenditori vessati, che hanno avuto il coraggio di denunciare. Questo sia da esempio soprattutto per i più giovani affinché la cultura della legalità prevalga sull’illegalità”.

Nota Stampa dell’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Isabella Adinolfi

Continue Reading

Politica

Napoli, Nappi (Lega) “De Magistris marziano, vada a casa”

Published

on

Foto Archivio

Nappi (Lega): “Il sindaco vada a casa, Napoli non merita tutto questo”

“Dalle file vergognose alla Mostra d’Oltremare al tentato femminicidio di ieri in piazza Plebiscito, De Magistris commenta i fatti che accadono nella città che dovrebbe amministrare come fosse un marziano. E’ ormai chiaro a tutti che le responsabilità di quando sta accadendo a Napoli, sempre più città allo sbando, sono da ascrivere a chi ha generato questa situazione di degrado e abbandono e, soprattutto, a chi non ha saputo (o voluto) governarla. Il sindaco vada a casa, Napoli non merita tutto questo”.

Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere regionale della Lega in Campania e coordinatore della Lega Napoli

Nota Stampa Severino Nappi

Continue Reading

Politica

PAP Marano scrive al Sindaco Visconti

Published

on

Logo Potere al Popolo

Gli attivisti e le attiviste di Potere al Popolo scrivono al Sindaco di Marano Visconti e all’Amministrazione comunale

Caro Sindaco Rodolfo Visconti,
Cara Amministrazione di Marano di Napoli,

siamo gli attivisti e le attiviste di Potere al Popolo e abbiamo deciso di scrivervi a mezzo stampa perché purtroppo da due anni a questa parte noi, come chiunque altro ed altra, non riceviamo alcun tipo di risposta alle PEC che regolarmente inviamo a tutti e tutte voi dell’amministrazione targata PD per poterci confrontare e sentirci parte attiva e costruttiva della nostra comunità.

Siamo qui a scrivervi a seguito delle numerosissime lamentele che da ieri ci sono arrivate da parte di tanti genitori delle scuole ICS Socrate Mallardo (Plesso Mallardo) e I.C. San Rocco (Plesso Chiesa e plesso San Rocco) che si sentono – giustamente – abbandonati e privati di un sacrosanto diritto: quello all’istruzione per i loro figli e le loro figlie! 

Come già capitato nel recente passato – quando un nutrito gruppo di genitori vi aveva scritto per un confronto su quel che avreste deciso in merito alla riapertura o meno delle scuole  prima delle festività natalizie, decisione appresa dalla stampa – anche stavolta sembra proprio che la cosa non vi riguardi.

Vorremmo chiedervi, con tutta l’umiltà del caso, se per voi è normale che dopo mesi di chiusura delle scuole, di DaD e di festività natalizie sia mai possibile che non si sia trovato il tempo ed il modo per effettuare l’ordinaria manutenzione degli edifici scolastici e delle caldaie per evitare che – come da tradizione – andassero in blocco causando notevoli disagi per alunni e lavoratori.

E prima che ci pensiate solamente vi diciamo che l’eventuale scadenza del contratto della ditta era un qualcosa di già risaputo per cui, no! non potete utilizzarla come “scusante” per un qualcosa che non ha alcuna scusa.

Un’amministrazione attenta e vicina alla sua comunità avrebbe previsto questi semplici lavori e tutto ciò che ne deriva con largo anticipo (vi sveliamo che le feste di Natale grosso modo arrivano sempre negli stessi giorni ogni anno eh!) a maggior ragione in un periodo difficile come questo!

Perché mentre in tutta Italia si discute se e quando riaprire in presenza la Scuola qui a Marano di Napoli dobbiamo discutere sul perché i riscaldamenti non siano funzionanti…un po’ triste ed angosciante pensando che siamo nel 2021, non trovate?

In ultimo, ma non certo per importanza, vorremmo chiedervi – se non fosse stato il caso – almeno stavolta – di metterci la faccia assumendovi le vostre responsabilità, ammettendo l’errore con la promessa (da mantenere) di pensare maggiormente ai reali problemi della nostra comunità e del nostro territorio, lasciando per un attimo da parte le beghe interne e i vostri interessi. 

Onestamente troviamo oltremodo grave aver leso il diritto allo studio dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze ed altrettanto grave il silenzio e il muro dietro cui da due anni a questa parte vi state trincerando. 

Cordialmente,
Gli attivisti e le attiviste di Potere al Popolo!

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy