Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Napoli Centrale, rapinatore seriale fermato dalla Polizia

Pubblicato

il

polizia ferroriaria
Foto Archivio

Presso l’abitazione del rapinatore sono state rinvenute due cartucce per fucile; 31 cartucce per pistola a slave e un coltello

Personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, ha proceduto al fermo di P.G. per il reato di rapina aggravata dall’uso di arma da fuoco ne confronti di un quarantaseienne napoletano, gravemente sospettato di essere l’autore di due rapine avvenute nei pressi della Stazione di Napoli nei giorni precedenti.

Le indagini hanno avuto inizio con la denuncia di una delle vittime, la quale, il giorno 16 novembre, dopo aver parcheggiato la sua autovettura in Corso A. Lucci per recarsi alla Stazione Centrale, è stata avvicinata da un uomo, con una stampella, armato di pistola che le intimava di consegnarli il telefono cellulare.

Partendo della visione delle immagini del sistema di videosorveglianza, le indagini condotte dagli agenti della Polizia Ferroviaria hanno consentito di individuare e identificare nella giornata successiva il presunto rapinatore, presso la cui abitazione, in seguito a perquisizione, sono state rinvenute due cartucce per fucile calibro 12; 31 cartucce per pistola a slave e un coltello di lunghezza complessiva di 24 cm, tutto posto sotto sequestro.

L’uomo è stato condotto negli uffici Polfer, in collaborazione con gli uomini del Commissariato Vaso Arenaccia della Questura di Napoli, che indagavano per una rapina analoga avvenuta qualche giorno prima in Via Taddeo da Sessa. In quel caso la vittima era stata sottratta la somma di 70 euro sotto minaccia di una pistola di grosso calibro.

Il quarantaseienne è stato associato presso il carcere di Napoli Poggioreale, a disposizione della competente A.G.

Nota Stampa Polfer

Trending