Connect with us

News

Banco di Napoli, la Fondazione chiama in giudizio il MEF

Published

on

Fondazione Banco di Napoli

Pallioto: “Un’azione dovuta per la mancata considerazione dei sacrifici imposti agli azionisti”

La Fondazione Banco di Napoli ha avviato un’iniziativa giudiziaria nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze chiedendo al Tribunale delle imprese di Napoli di determinare l’ammontare dell’indennizzo che spetta agli ex azionisti del Banco di Napoli, oggetto di intervento di salvataggio dello Stato nel 1996.

Il ricorso è stato notificato lo scorso 9 settembre dall’avvocato Antonio De Notaristefani di Vastogirardi. Nella conferenza stampa, svoltasi a Napoli nella sede di Via dei Tribunali, Rossella Paliotto, Presidente della Fondazione che rappresenta le sei regioni del Meridione continentale, ha spiegato che l’iniziativa si è resa necessaria in ragione del silenzio serbato dal MEF in merito all’invito al confronto relativo alla quantificazione dell’indennizzo previsto dalla legge 588/96.

La richiesta fu inviata nel 2017 e reiterata ad aprile 2020. La conferma della doverosità dell’iniziativa si rinviene nella relazione annuale 2020 della Corte dei Conti che, nell’esaminare il bilancio della SGA oggi AMCO, ha dato atto che le riserve rinvenienti dall’attività di recupero dei crediti del Banco di Napoli al 31 dicembre 2016 erano pari a circa 733 milioni di euro.

“La stima a oggi dell’intero indennizzo per tutti gli ex azionisti potrebbe aggirarsi intorno al miliardo di euro” ha aggiunto la Presidente Paliotto. “Si tratta di una liquidazione dovuta che potrebbe essere destinata ad incrementare la promozione dello sviluppo economico e culturale del Mezzogiorno, come previsto dal nostro statuto”.

La Presidente ha evidenziato come questa iniziativa si inserisca “nel solco tracciato nei secoli di storia della Fondazione, nata per finalità di assistenza sociale ai più bisognosi. Attività che ha svolto operando nelle sei regioni di competenza, anche nell’attuale periodo Covid. La nostra priorità è supportare tutte le forme di disagio sociale, da quello minorile alle disabilità”

In tale contesto “nasce l’esigenza attuale legata alla rilettura della storia del Banco di Napoli. La ricerca della verità è atto dovuto anche per chi ne ha sopportato il costo, perdendo i risparmi di una vita. Le mancate risposte da parte del MEF e di AMCO rappresentano un silenzio assordante. Ora attendiamo con fiducia,  affinché dissolvendosi le nebbie, si possa scrivere un’equa e trasparente conclusione della vicenda”.

Nota stampa Fondazione Banco di Napoli

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Caivano, dall’auto strappa zaino a donna e la trascina

Published

on

Carabinieri-Archivio-Vettura

Arrestato dai Carabinieri di Caivano un 43enne di San Nicola La Strada per rapina e lesioni

I Carabinieri della Tenenza di Caivano hanno arrestato G. S., un 43enne di San Nicola La Strada già noto alle forze dell’ordine.

Ad emettere il provvedimento di arresto l’ufficio del Gip del Tribunale di Napoli Nord, su richiesta della locale procura.

Il 43enne è gravemente indiziato dei delitti di rapina e lesioni commessi ai danni di una donna 40enne.

L’uomo, a bordo della sua auto, ha afferrato in corsa lo zaino che la donna portava a tracolla, trascinandola per alcuni metri e procurandole lievi ferite.

Le analisi delle immagini dei video di sorveglianza hanno così permesso ai militari dell’Arma di individuare la targa del veicolo e tracciarne il percorso.

Ciò ha permesso di risalire al 43enne che attualmente è in carcere. A diffondere la notizia dell’arresto un comunicato del Comando Provinciale Carabinieri Napoli.

Continue Reading

News

Giugliano ressa al Comune per le tessere elettorali

Published

on

Ressa al Comune di Giugliano
L'attesa dei Cittadini all'ingresso del Comune

File ed assembramenti al Comune di Giugliano per la tessera elettorale necessaria per esercitare il voto il 20 e il 21 settembre

Un lunga fila di persone ed una lunga attesa per ritirare le tessere elettorali al fine di esercitare il diritto di voto il 20 e il 21 settembre prossimo.

Tra smarrimenti e mancati recapiti del documento, lo scenario al comune di Giugliano in periodi di Covid non è dei migliori. Registrati, infatti, assembramenti di persone davanti il portone d’ingresso del Palazzo del Comune.

Montano le polemiche soprattutto sui social relativamente al fatto che, nonostante il personale ridotto a causa del lockdown, vi sarebbe stato abbastanza tempo per stamparle e recapitarle a casa dei nuovi residenti.

Comunque durante le elezioni gli uffici del comune preposti sono sempre disponibili ai cittadini per espletare la consegna della tessera elettorale. In caso di smarrimento è necessaria la denuncia.

Continue Reading

News

Pomigliano: scoperta“fattoria” abusiva in discarica a cielo aperto

Published

on

Pony trovato nella fattoria abusiva a Pomigliano

I Carabinieri hanno trovato un ciclomotore con matricola punzonata, animali da cortile in pessime condizioni igieniche e una pianta di marijuana e persino un Pony

Proseguono i controlli dei Carabinieri nell’Area Nord della Provincia di Napoli su disposizione del comando provinciale nella lotta al fenomeno legato allo smaltimenti illecito di rifiuti.

A Pomigliano d’Arco i militari della locale Stazione Carabinieri insieme a quelli della Stazione Carabinieri Forestali di Marigliano hanno denunciato per maltrattamento di animali, detenzione fauna selvatica patrimonio dello Stato, ricettazione, smaltimento illecito, abbandono di rifiuti e detenzione di sostanze stupefacenti i coniugi B.E. (50enne del luogo, nullafacente, pregiudicato) e M.A. (46enne del luogo casalinga, incensurata).

I militari hanno rinvenuto e sequestrato rifiuti speciali in un terreno di 450 metri quadri occupato abusivamente: c’erano scarti ferrosi, rifiuti edilizi e elettrodomestici.

Nel tempo i rifiuti erano stati accantonati e, in parte, interrati in un pozzetto di cemento. Rinvenuti e sequestrati anche un ciclomotore senza targa e con la matricola del telaio punzonata, una pianta di “marijuana”.

Nello stesso fondo i Carabinieri hanno trovato tre tartarughe, un cardellino e degli animali da cortile (anatre, polli e cuccioli di cane) tenuti in gabbie sporche, in pessime condizioni igieniche senza acqua e mangime.

Trovato, infine, un pony, costretto in un piccolo recinto che non gli consentiva libertà di movimento. L’area è stata sequestrata e gli animali affidati a varie associazioni che se ne prenderanno cura.

Nota stampa Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy