Log in
13-Dec-2018 Aggiornato alle 17:28 +0100
Intervista

Intervista (11)

Villaricca, Terremoto. Arch. Tirelli: «Le difficoltà riscontrate durante i sopralluoghi sono molteplici»

La nostra intervista di qualche giorno fa all'Arch. Aniello TIrelli del Nucleo Nazionale di Architetti per la Protezione Civile, appena tornato dall'esperienza nelle zone colpite dal forte sisma

Architetto Tirelli a che punto siamo?
Stamane 27/09/2016 dopo il rientro delle 8 squadre campane di esperti agibilitatori, ne sono partite altre 8, con appuntamento ore 14,30 presso la DI.CO.MA.C in Rieti, dove li accoglierà il referente regionale arch. Fulvio Ricci e il referente nazionale del CNA (consiglio nazionale degli architetti) l’arch. Pasquale Zaffini. Pronti da domattina, a intervenire nei comuni colpiti dal Sisma.

Il vostro lavoro non si ferma mai
È un lavoro estenuante che continuerà nelle prossime settimane. Un gruppo che sta dando il massimo per consentire, ci auguriamo, il rientro nelle proprie abitazioni di più persone possibili.

Che tipo di difficoltà avete riscontrato?
Le difficoltà riscontrate durante i sopralluoghi sono molteplici, dovuti alla considerevole estensione del territorio colpito e alla sua geografia. Devo dire che tutte le Associazioni e i corpi di Vigili del Fuoco, Esercito, Polizia di stato e anche Polizia locale, di tanti comuni, hanno svolto e svolgono un azione sinergica, consentendo anche a noi tecnici di lavorare in piena efficienza. Il lavoro da fare è ancora tanto. I componenti del Presidio campano hanno manifestato la loro disponibilità laddove si rendesse necessario a dare un ulteriore contributo. È giusto ringraziare la Renault filiale di Napoli, per aver fornito al presidio, le auto ad un costo irrisorio, auto utilizzate per raggiungere il cratere del sisma e muoverci all’interno di esso per le verifiche di agibilità.

Villaricca, terremoto: parla l'Arch. Tirelli del Nucleo Nazionale di Architetti per la Protezione Civile

Terremoto, gli interventi della Protezione Civile: abbiamo intervistato l'Architetto Aniello Tirelli iscritto nel Nucleo Nazionale di Architetti per la Protezione Civile esperti nella valutazione del danno e agibilità post sisma, componente del coordinamento Presidio Regionale di Architetti per la Protezione Civile.

Cosa rappresenta il presidio regionale di architetti e qual è il suo compito?
Il presidio regionale di architetti per la protezione civile è parte di una rete nazionale coordinata dal CNA (consiglio nazionale degli architetti) e opera nella seconda fase post evento sismico (la prima fase prevede il soccorso alla popolazione) al fine di rilavare il danno e le agibilità degli edifici.

Come vi siete comportati per questo nuovo evento sismico?
Come da protocollo sin dalle prime ore post evento sismico registrato nel cuore dell'Italia, abbiamo avviato procedura operativa di messa in allerta. In pochi minuti 160 tecnici esperti, sono stati allertati e hanno dato la propria disponibilità a sostegno delle aree colpite.

Quando sarete sul posto?
Martedi 13/09/2016 io e altri 4 colleghi partiremo per organizzare la fase logistica che nelle successive settimane consentirà l’operativa alle oltre 20 squadre di architetti dalla Regione Campania. Le successive squadre partiranno tra il 20/09 e il 04/10

Dalla sua esperienza cosa pensa del territorio dove viviamo?
C’è una chiara consapevolezza dell’alta vulnerabilità dei nostri territori e noi come presidio già al rientro dal sisma dell'Emilia 2012 abbiamo avviato tavoli di concertazione per la sensibilizzazione al problema e in alcuni casi effettuato protocolli d’intesa con enti locali.

E per Villaricca?
Il Comune di Villaricca ha approvato un piano di protezione civile tra gennaio e febbraio 2016, nello stesso periodo abbiamo, come presidio, richiesto una copia dello stesso per sottoporlo ai nostri esperti, al fine di una sinergica collaborazione per migliorarne eventualmente l’efficacia. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta.

Quali possono essere le linee guida per scongiurare nuovi disastri?
Inutile ribadire l’importanza della prevenzione, non tanto per la salvaguardia delle strutture ma per quella della vita. A Villaricca sono l’unico architetto esperto, ci sono altri colleghi presenti all’interno del presidio che stanno effettuando un percorso formativo per poter raggiungere la qualifica e spero che continuino perché in Campania siamo pochi.

Tobia Tirozzi ufficializza la propria candidatura alla Camera dei Deputati

Ho accettato di candidarmi alla Camera dei deputati nelle liste di Fratelli d’Italia. L’ho fatto con la convinzione che il partito fondato dalla Meloni, Crosetto e La Russa, punti seriamente ad un ricambio generazionale che altrove non esiste.
Con la consapevolezza, che Fratelli d’Italia è un partito ispirato a quei valori di centro destra, a cui mi sono rifatto da sempre.
È la prima volta che aderisco ad un movimento politico Nazionale, prima di adesso avevo sempre partecipato unicamente a progetti locali, liste civiche e comitati civici.
Nasce per me ed il gruppo che mi ha sostenuto alle ultime elezioni amministrative, un percorso politico nuovo, entusiasmante, che non focalizza l’attenzione e l’obiettivo al risultato elettorale del 24 e 25 Febbraio, piuttosto, immagina di iniziare un percorso formativo-politico di lungo corso insieme agli amici di sempre e a quanti vorranno condividere e partecipare questa nuova esperienza.

Villaricca, Tobia Tirozzi: ancora irrisolti i problemi

Qual è la situazione di Villaricca 2 al momento?
«Rispetto alla nostra ultima chiacchierata non ci sono stati, purtroppo, cambiamenti riguardo i problemi evidenziati quali, ad esempio, la navetta di collegamento con metro e cumana, rispetto al ripristino dell’energia elettrica alla villetta comunale in via Bologna. Parlando della Amministrazione, la gara riguardante il servizio di Tesoreria e Riscossione è costata circa 30mila euro ed è andata deserta. Questo per una cattiva gestione da parte dei responsabili. In tutta onestà mi chiedo in che modo la maggioranza, che oggi appare anche distratta da problematiche politiche interne, intenda affrontare i problemi di questa parte di territorio villaricchese. La minoranza rappresenta il 49% della cittadinanza eppure non riusciamo mai ad avere un confronto politico che possa apportare miglioramenti per la cittadinanza»

Per ciò che concerne il trasporto scolastico qual è lo scenario dopo le tante polemiche di questi giorni?
«Abbiamo presentato una segnalazione ai Vigili Urbani ed agli Uffici preposti, chiedendo un controllo più dettagliato riguardo l’effettivo possesso da parte della vec-chia compagnia di tutte le caratteristiche per poter effet-tuare il servizio nei termini previsti della legge. Vista la revoca del man-dato da parte dei responsabili del Comune, è evidente che ci sono stati dei problemi. Successivamente c’è stata una manifestazione di interesse per sopperire alla mancanza momentanea del servizio ed a breve ci sarà una gara che sistemerà definitivamente le cose»

Quali sono le emergenze che si dovrebbero affrontare a breve a Villaricca secondo la sua opinione?
«Riprendere il centro della vita di Villaricca, ovvero il centro storico con lo sguardo rivolto alla periferia. Sicurezza stradale, viabilità, parcheggi e segnaletica stradale a volte inesistente o posizionata male. Sono cose semplici ma che migliorano nettamente la vita dei cittadini. Come intende l’Amministrazione risolvere i problemi importanti se non riesce ad organizzarsi per risolvere le necessità basilari?»

Villaricca, Ass. Molino: La maggioranza è unita

Quali sono le ultime notizie riguardo il suo Assessorato?
«Come Assessorato alle Attività Produttive e Commercio ho promosso il “Mozzarella e Pizza Day” grazie alla collaborazione dei caseifici la Bufala, Cosentino e lo Spicchio. L’iniziativa consiste nel vendere la mozzarella a 7,50 euro al kg anziché 11 euro ogni martedì per 7 mesi, quindi l’acquirente avrà uno sconto del 33% fino a giugno. Per ciò che riguarda il “Pizza Day”, ogni giovedì le pizzerie Anthony's pub, Doc, Mare Luna, Pizza e Capricci applicheranno uno sconto del 30%. Questo per incentivare il commercio locale e per aiutare le famiglie villaricchesi a non rinunciare nella loro spesa alla mozzarella che è considerata l'oro bianco della Campania. Questi due straordinari eventi stanno avendo un gran successo e, visti i risultati, sto lavorando per allargare l'iniziativa ad altri settori commerciali come barbieri, parrucchieri ed autolavaggi ma anche altri. Lasciatemi ringraziare i caseifici e le pizzerie che hanno aderito in un momento difficile senza cambiare assolutamente la qualità dei propri prodotti. In settimana aprirò il primo tavolo di concertazione a Villaricca tra Assessorato e commercianti ed inviterò l'ASCOM e la Confesercenti oltre ai singoli commercianti. Il tavolo sarà diviso in zone perché ognuna di loro ha problematiche differenti: Circumvallazione, via Enrico Fermi, Centro Storico, via Napoli, corso Italia e via della Libertà e soprattutto va consolare campana Villaricca nuova. Questo per intraprendere iniziative congiunte per migliorare l’attuale situazione. I temi al centro dei lavori saranno soprattutto videosorveglianza, legalità, parcheggi ed arredo urbano. Uno degli obiettivi di un futuro prossimo è quello della creazione della “settimana del risparmio e della qualità”, dando maggiore attenzione al centro storico».

Sono iniziati i lavori del Forum delle Associazioni di Villaricca?
«Il Forum dei giovani si è costituito ed i componenti hanno anche nominato il presidente, Ferdinando Cinquegrana; hanno aderito 20 tra associazioni e movimenti politici. Come primo passaggio a favore del Forum, ho deciso di dare loro tutti i fondi a mia disposizione cioè 3.000 euro per la promozione dell’iniziativa e la sua sussistenza. A brevissimo si aprirà l'Informagiovani che sarà anche sede la sede per il Forum stesso, ma è mia intenzione formare un sodalizio come questo anche di altre associazioni che non hanno avuto la possibilità di aderire al Forum dei giovani non avendo i giusti requisiti; con il distretto 26, istituiremo un ufficio del PGT (Piano Territoriale Giovani) che comprende anche gli altri Comuni del comprensorio per fare rete tra i giovani dell'area giuglianese».

Cosa pensa dell'attuale situazione politica nella maggioranza villaricchese?
«Credo che ci sia bisogno di più politica, nel senso di un maggiore contributo da parte dei partiti, mediante il coin-volgimento anche di quelli non presenti in Amministrazione come Sel, Api, Rc, Idv, Verdi. Bisogna riprendere il cantiere del centrosinistra aperto a tutte quelle forze moderate che vogliono contribuire al miglioramento della nostra città. Altra azione necessaria è quella di coinvol-gere i cittadini che non aderiscono a partiti. Siamo fermi da troppo tempo su questo tema. Non possiamo delegare solo noi amministratori scelte che riguardano tutti. Dobbiamo cercare di archiviare vecchi schemi affrontando con grande responsabilità scelte coraggiose ed innovative. I partiti devono assolutamente cambiare legge elettorale altrimenti avranno un grande insuccesso, favorendo movimenti come quelli di Grillo o dei Forconi. La scelta dei Parlamentari deve essere fatta tramite vere primarie e non con accordi tra capicorrente. Anche qui da noi succede una mancanza di partecipazione attiva. Proprio per questo a marzo faremo una grande iniziativa politica a Nord di Napoli. La maggioranza è unita ma deve capire che vecchi schemi non possono trovare spazio in questa Amministrazione».

Villaricca, Teresa Di Marino: i punti cruciali del Suo progetto

Centro Storico da rivalutare e riportare ai fasti di una volta: quali sono i passaggi cruciali e le idee per ottenere il risultato?
    «Le idee sono molteplici. Abbiamo bisogno, in primis, di valorizzare i monumenti del Centro Storico. In tale ottica, il recupero urbanistico di Palazzo Baronale è quasi concluso.
    Questo importantissimo risultato sarà da volano per la creazione di passaggi culturali fondamentali per Villaricca. Tra l’altro abbiamo in cantiere di poter avere una fondazione ad esso dedicata. In anteprima vi confido che, di intesa con l’Assessorato alle Attività Produttive, stiamo organizzando durante il periodo natalizio delle piccole fiere all’interno di piazza Maione.     Questo per favorire anche l’economia locale. Nel lungo periodo, invece, una delle attività principali per ridare vigore al Centro Storico è quella di ridisegnare la viabilità e di sfruttare al meglio gli spazi per creare nuovi parcheggi in modo che esso possa essere considerato un’agorà di attività commer-ciali consentendo anche l’isola pedonale al suo interno».  

    Impossibile, quindi, non parlare dell’annoso problema dei parcheggi: come poter uscire dal tunnel?
    «Stiamo tentando di regolamentare aree già adibite di fatto a parcheggio ma che non lo sono ancora ufficialmente. Villaricca è uno dei pochi Comuni che non ha strisce: stiamo vagliando soluzioni che possano consentire di avere sia strisce bianche sia una quota, in parti più sensibili, a pagamento quindi con le strisce blu. Abbiamo un piano sosta che prevede, quindi, di disciplinare vie in cui già di fatto vi sono aree per il parcheggio. Per ciò che concerne il centro storico, invece, vi è Borgo sant’Aniello il cui parcheggio sarà completamente al servizio di questa parte di città».

    Villaricca che utilizza software open source per la gestione amministrativa. Troppo difficile da attuare o possibile in un futuro?
    «Ci stiamo lavorando. Anche per ciò che riguarda il portale, ad esempio, stiamo tentando di farlo divenire uno strumento che possa avvicinare il cittadino, specie se fisicamente lontano dalla Casa comunale, attraverso la possibilità di ricevere una serie di servizi direttamente da casa.

    Nomina del nuovo Comandante della Polizia Municipale: il problema è risolto?
    «La scelta è caduta sul dott. Verde per poter valorizzare risorse interne. Abbiamo valutato attentamente la nomina e oggi abbiamo la nuova figura istituzionale.
    Molti hanno voluto strumentalizzare la questione ma vi assicuro che non vi è stato alcun problema».

Villaricca: Tirozzi, i miei punti fondamentali

    Villaricca 2, quali sono i punti per poter valorizzare la zona e quali  i problemi ancora da risolvere?
    «La zona è stata abbandonata dalla vecchia Amministrazione per circa 10 anni. Del resto anche quella attuale non sembra aver cambiato registro. In ogni caso la nostra opposizione è rivolta a cambiare questo atteggiamento. Entrando nel dettaglio degli interventi da adottare, nell’immediato c’è bisogno dell’ordinaria amministrazione come la manutenzione del verde pubblico: la figura dello spazzino è mancante da un decennio. Non dimentichiamo che siamo in periferica e vi è bisogno di un controllo del territorio a 360 gradi, sia da un punto di vista ambientale che strutturale ed edilizio.
    I controlli devono avvenire, ovviamente, anche mediante un’intesa più stretta con le forze dell’ordine in modo da poter rendere Villaricca 2 più sicura per i cittadini che vi abitano».

    I passaggi futuri che Villaricca non può fallire
    «Vi è esigenza di miglioramenti nel Centro Storico, rispettando i vincoli ma valorizzando come merita il nostro patrimonio. In due anni Villaricca ha speso 104mila euro come indennizzo ai proprietari della zona che ospita Palazzo Sant’Aniello: quando finiranno i lavori e perché non sono stati risolti ancora i problemi che li bloccano?
    Abbiamo il tratto che riguarda la Circumvallazione esterna che, fatto salvo per il la manutenzione del verde, è lasciato al proprio destino: abbattiamo le barriere architettoniche, miglioriamo la segnaletica e cerchiamo di ottimizzare il flusso del traffico anche modernizzando la segnaletica semaforica che oggi appare obsoleta. Quando daremo, inoltre, alla cittadinanza un parcheggio pubblico, tra l’altro punto fermo del programma elettorale di Gaudieri?».

    Come considera la scelta di cambiare il Segretario Comunale e la questione del Comandante della Polizia Municipale?
    «È nel pieno diritto del Sindaco scegliere il proprio segretario ma credo sia stato poco gradevole esonerare Ronza nei modi in cui ciò è avvenuto. Al segretario uscente va il nostro ringraziamento per il lavoro svolto.     Per ciò che riguarda la nomina del Comandante dei Vigili Urbani, penso che l’Amministrazione si debba organizzare il prima possibile in quanto sono settimane che la cittadina ha una figura così importante mancante. Del resto il vincitore del bando esiste: come mai non viene nominato?».
Carmine Sgariglia

Villaricca, parla il consigliere Michele Cimmino

    483 voti sono tanti, erano nelle sue aspettative?
    «Sia in positivo che in negativo non avevo aspettative per quanto riguarda il numero dei voti. Quelli avuti, comunque, sono stati guadagnati, non con promesse - come spesso, ahimè, accade in politica - ma con l’impegno  concreto nei confronti dei cittadini e con la massima serietà della campagna elettorale basata principalmente su un rapporto di fiducia con gli elettori, che, posso dire con fierezza, conosco personalmente uno per uno. Inoltre, grande sostegno mi è stato dato dalla mia famiglia che ha sostenuto attivamente la candidatura e, ovviamente, l'intera campagna elettorale».

    Candidandosi nella lista civica, ufficialmente, non da espressione diretta di un partito, tuttavia c’è da credere che qualsiasi politico adotti una linea politica, qual è la sua?
    «Candidarsi in una lista civica è sintomo di una politica che non può più prendere una direzione radicale. Pur provenendo da una tradizione politica non proprio di centro-sinistra, penso che di questi tempi sia importante canalizzare le forze, non per sostenere l’uno o l’altro partito, ma per le necessità del paese, al di là dell’ideologia politica.
    A riprova di ciò, sono stato candidato inizialmente con la lista Mastrantuono, delle cui idee sono stato subito molto entusiasta, per finire poi al ballottaggio ad appoggiare il sindaco Gaudieri, simbolo di trasparenza e legalità, anch'egli non appartenente a nessun partito politico».

    Quali ritiene siano le necessità di Villaricca in questo momento? Quali le sue iniziative a tal proposito?
    «Prima di tutto far fronte ai tagli del governo centrale, quindi contenere la spesa, laddove  possibile naturalmente.     È, infatti, purtroppo nota la drastica portata dei tagli agli Enti Locali, basti pensare che solo per la cultura abbiamo subito un taglio dell’80%.
    È  poi fondamentale concentrare l’attenzione sulle zone periferiche, partendo magari dall’arredo urbano e viabilità. Inoltre, largo spazio devono avere i giovani, che saranno coinvolti in molte attività dell'Amministrazione. Infine, bisogna aiutare le fasce disagiate che vertono in situazioni precarie e che purtroppo sono in un preoccupante aumento».

    Qual è il suo punto di vista sui servizi attivi e le strutture comunali di Villaricca?
    «Credo che stiamo a buon punto; un esempio per tutti l’Isola Ecologica, grazie alla quale abbiamo raggiunto quasi il 50% di percentuale di raccolta differenziata, frutto anche di una attiva campagna di sensibilizzazione da parte dell’amministrazione, percentuale comunque destinata a salire nel tempo.
    Stiamo, inoltre, definendo le ultime cose per procedere all'apertura definitiva del Palazzo Baronale e del Palazzetto dello Sport».

    Cosa pensa riguardo alla sostituzione del Segretario comunale, passato da Qualiano a Villaricca?
    «Decisione questa esclusivamente di competenza del Sindaco. È una vicenda  nella quale la politica non c’entra affatto. Posso solo dire che ho avuto un’ottima collaborazione con il dott. Ronza in cinque anni, e nutro tanta stima nei sui confronti, sono sicuro che sarà lo stesso anche con il dott. Natale. In ogni caso la sostituzione del Segretario, è giusto precisare, non è stata assolutamente frutto di incomprensioni all’interno della maggioranza».
Clarissa Garisto

Villaricca, Assessore Mario Molino: vi spiego il mio progetto

Intervista all'assessore mario molino del comune di villaricca

    Quali sono le iniziative che ha in serbo per il futuro di Villaricca e quali quelle in corso?   
    «Le mie deleghe sono attività produttive, politiche giovanili ed associazionismo. La prima concerne anche il mercato: abbiamo sensibilizzato gli operatori alla raccolta differenziata, riorganizzato i punti di raccolta in loco e stiamo lavorando per ottimizzare la questione parcheggio. A tal riguardo stiamo progettando una ristrutturazione organizzativa anche dell’area fiera, passando dai parcheggi per arrivare ad accordi con operatori del settore. Stiamo lavorando per regolarizzare la TARSU per ogni singolo operatore mercatale per poter verificare la giustezza delle quote pagate.     Sempre sul settore delle attività produttive stiamo per lanciare la Villaricca Card che prevede sconti ai cittadini nei negozi convenzionati, il tutto per incentivare il commercio e combattere la crisi. Il mio obiettivo futuro è quello di organizzare la notte bianca a Villaricca, comprendendo anche la chiusura del tratto di circumvallazione e non solo il centro storico: sto lavorando per trovare i fondi e siamo già a buon punto.
    Proprio il centro storico di Villaricca sarà al centro del nostro programma, valorizzandolo attraverso mercatini e manifestazioni, a tal riguardo abbiamo già un accordo con la Coldiretti. Per ciò che concerne le politiche giovanili abbiamo creato il forum delle associazioni che sarà un momento di crescita e di collaborazione dei sodalizi operanti nel territorio attraverso un vero e proprio network sociale. Abbiamo, inoltre, insieme alla dirigente Tommasiello, provveduto a riorganizzare lo sportello “informagiovani” che a breve riaprirà».
    Come giudica la decisione da parte del Sindaco Gaudieri di cambiare il Segretario comunale?   
    «Il cambio del Segretario comunale è una scelta personale del Sindaco. Al Segretario uscente Ronza va riconosciuto il merito del lavoro svolto mettendo a disposizione della collettività la sua professionalità. Faccio gli auguri al nuovo segretario Natale di un proficuo lavoro. Del resto la scelta fatta credo sia ottima».

    Lei fa parte di una giunta tra le più giovani d’Italia, non crede che l’inesperienza, a lei così come ai suoi colleghi, potrebbe pesare negativamente in alcuni frangenti?
    «Assolutamente no. In primis perché molti di noi hanno già avuto esperienze politiche. Inoltre l’entusiasmo e la preparazione sarà la nostra arma vincente in un momento di crisi come quello che attraversiamo.
    Del resto chiediamo sempre che i giovani siano presenti nei posti cardine: oggi Gaudieri ha fatto una scelta in tal senso quindi penso sia solo un bene per la collettività».

Villaricca: Rosaria Punzo, l'ambiente prima di tutto

I numeri della raccolta differenziata sono quelli attesi o vi sono margini di miglioramento?
 «Villaricca è al 48% ma cercheremo di battere sul territorio per aumentarla. Il problema deriva, soprattutto, dai parchi dove i cittadini, essendo in numero maggiore, non riescono a gestire al meglio la raccolta.
    Per ovviare a questo problema l'assessorato all'ambiente in concerto con l'assessorato alla pubblica sicurezza e quello ai lavori pubblici, sta effettuando un controllo sul territorio al fine di sanzionare coloro che non rispettano il programma di raccolta differenziata pubblicizzato dal Comune».
 Il tema fondamentale è l'emergenza rifiuti e i nostri territori in passato hanno dato il loro contributo, quando arriveranno le bonifiche che i che i cittadini attendono da decenni?
«Come sa la bonifica non dipende dal Comune di Villaricca, ma ci sono degli enti preposti a cui l'Ente comunale inoltra solleciti al fine di garantire i procedimenti di bonifica. Non possiamo gestire i tempi tecnici non dipende da noi. Attualmente, per risolvere il problema dei rifiuti, è aperto un tavolo di confronto tra la Provincia e i Comuni dell'ambito di riferimento.
La nostra preoccupazione deriva dal fatto che la Provicia, attraverso la bozza di accordo, voglia aprire nuove discariche sul territorio di Villaricca e di Marano. In tale bozza, infatti, sono stati individuati otto siti a Marano e tre a Villaricca come da piano regionale.
I Comuni si sono dichiarati disponibili a sottoscrivere questo accordo con l'unica condizione di non aprire un'altra discarica sui territori indicati, in base al decreto legge n° 61/2007 vi è, per di più, un divieto di localizzazione di un sito di smaltimento finale dei rifiuti sul territorio cittadino. La proposta dei Comuni dell'ambito è quella di sversare la parte di indifferenziato prodotto dai territori interessati, nella discarica di Chiaiano fino a quando non sarà raggiunta l'eccellenza nella raccolta differenziata».
Roghi e sversamento illegale dei rifiuti: quali sono le mosse giuste per poterli stroncare?
«Siamo stati convocati in prefettura per discutere dell'attività di contrasto all'emergenza dei roghi incontrollati dei rifiuti. Sarà un tavolo dal quale, si presume, possano arrivare delle soluzioni in tempi brevi. Per ciò che concerne lo sversamento illegale possiamo combatterlo attraverso un maggiore controllo sul territorio. C'è un progetto di video sorveglianza ma attendiamo i risultati dello studio di fattibilità».

Lei ha dei progetti in cantiere per Villaricca?
«Si, l'aumento della raccolta differenziata che si potrà ottenere con l'indispensabile aiuto dei cittadini anche attraverso la promozione di una campagna di sensibilizzazione sia porta a porta che nelle scuole e mediante l'utilizzo delle Associazioni di volontariato presenti sul territorio».

Sottoscrivi questo feed RSS