Log in
20-Nov-2019 Aggiornato alle 13:39 +0100

Piccola guida alla Coppa del Mondo di Rugby

  • Scritto da Nota stampa
  • Pubblicato in Sport
  • 0 commenti
Piccola guida alla Coppa del Mondo di Rugby Foto: Flickr Piccola guida alla Coppa del Mondo di Rugby

Mancano pochi giorni alla competizione con le migliori venti squadre al mondo.

Manca poco alla competizione mondiale che vedrà impegnati anche gli azzurri capitanati da Parisse e allenati da Conor O’Shea. La Coppa del Mondo di rugby infatti inizierà venerdì 20 settembre a Tokyo mentre la prima partita per gli azzurri è prevista per domenica 22 contro la Namibia. Ma quali sono le speranze per gli azzurri? E quali sono le squadre favorite per alzare la coppa William Webb Ellis?

Gli azzurri

La nostra nazionale esce sicuramente rafforzata dai test match estivi e dimostra di avere una notevole concentrazione anche in caso di stress. I trentuno convocati per partecipare al mondiale provengono per la maggior parte dal Benetton Rugby e una restante percentuale dalle Zebre, due delle squadre migliori nel panorama nazionale. Non solo veterani ma anche debuttanti al mondiale, anche se tutti i giocatori hanno partecipato ad incontri internazionali. Naturalmente gli azzurri sperano di passare il turno, ma visto il girone impegnativo è sicuramente un traguardo raggiungere il terzo posto in modo da garantirsi l’accesso automatico alla prossima edizione.

Purtroppo la squadra italiana si ritrova in girone con due delle favorite, Sudafrica e i quasi imbattibili All Blacks, la nazionale neozelandese.

Le favorite

Naturalmente sono proprio gli All Blacks i favoriti di questo torneo mondiale, squadra che detiene il titolo e che spera in una tripletta. I neozelandesi sono seguiti a ruota dagli Irlanda. I verdi hanno infatti vinto il Sei Nazioni 2018, sono al secondo posto nel ranking mondiale e hanno persino battuto gli All Blacks. Occhi puntati anche su Galles e Inghilterra, oltre alle classiche Australia e Sudafrica appunto.

Naturalmente, come spesso succede in queste competizioni, ci possono essere delle belle sorprese. E dunque attenzione anche a Francia, Argentina e Isole Fjij, in gran forma. Qualche sorpresa può arrivare anche dalla Georgia, una squadra molto fisica e che si piazza al dodicesimo posto nel ranking.

Il calendario

Come dicevamo il mondiale di rugby inizia il 20 settembre a Tokyo e si svolgerà per tutto il corso di ottobre in 12 diverse città giapponesi. La finale invece si disputerà al Nissan Stadium di Yokohama, dove la squadra vincitrice alzerà la coppa William Webb Ellis, padrino di questo sport. Le partite della nostra nazionale saranno disponibili in chiaro sulla RAI, insieme a due dei quarti e alle finali. Mentre per chi volesse vedere tutte le partite, la Coppa del Mondo di Rugby è disponibile in streaming o su Eurosport.

Insomma, manca davvero poco, e gli amanti della palla ovale possono iniziare a prepararsi per il tifo che la nazionale merita.