Log in
20-Nov-2018 Aggiornato alle 16:20 +0100

Quanno s’è fritto o crocchè, la macchiulella la puoi anche togliere

La Satira dal Diario di Nick Samarro

Caro Diario,

ti scrivo sopra pecchè mi piacerebbe che tu condividi con me una bellissima serata che abbiamo vissuto noio tutti quanti inzieme propeto l’altra sera. Il sindaco Parrucchino ci ha invitato assiemo alle nostre famiglie a magnare nella sua villona metanta rossa che si è fatto ncoppa a le spalle dei miei cumpaesani, come dice sempe quanno ci viene ammente.Stavota le persone eravamo non tantissime pecchè ci stavamo propeto i fedelissimi, comma quanno facciamo la riunione per la festa della Maronna che a me piace tanto.

Tutti e quanti abbiamo purtato qualcosa da fare al mumento e poiché la festa era tematica e si chiamava “frevenno e magnanno” abbiamo penzato io e muglierema di purtare qualche bello crocchè che a me mi si squaglia la fantasia della panza quanno ci penzo.Mentre io astavo pazzianno con i miei amici consiglieri che tutti mi sghizzavano l’uoglio per frivere cauro nguollo con la votapesce e se ne fujevano, le mugliere come le femmine che noi siamo abituati a sapere, stavano cu i capelli atturcigliati e frevevano ma veramente tanto; l’assessore Dino a femmenella ha visto che la mia consorta si stava tutta surata a bestemmiare e ci ha dato la parola per farle nu poco e cumpagnia: «Signora cara comme state bella cu stu mantesino tutto inzivato, mi apparite comme e quanno eravate uagliuncella e giocavamo nel muovero». Muglierema che secondo me non ci aveva tanta voglia ci parlare ci ha subito rispuosto malamente: «Assessore, lasciatemi stare: non vedete che si è fritto o crocchè? E poi se viene bruciato comme e chellata volta lo sapete meglio di chiunque altro che il sindaco si lamenta. Al sindaco il crocchè con la macchiulella di abbruciato propeto non ci piace». Allora risponde Dino: «E non fa niente. Voi lo servite lo stesso e gliela luate da coppo cu na furchetta e nu curtiello. Qui non siamo a badare a tutte ste finezze». «Caro Dino – risponde ancora muglierema – Qui se io non sto a vedere bene quello che accade, la macchiulella si piglia tutto il crocchè e poi faccio prima al sindaco a dargli nu poco e pan spugnato dint a questo uoglio che talmente che ci abbiamo fritto si è fatto niro, niro»

Leggi anche: DIARIO DI UN SAMARRO. NIK: "NELLA STANZA DEL SINDACO SI BALLA IL PANZA A PANZA"

«Signora cara, comme avvedono i miei uocchi allora voi di crocchè ve ne intendete proprio. Beato vostro marito che non ho capito tanto chi è ma deve essere un uomo bello piazzato» e mentre lo addiceva faceva il zennetto a l’amico suo assessore Peppe Cotenna detto Settebellezze e na vot. «Guardate, io sono la moglie di Nic Samarro e di crocchè a casa mia non se ne sono mai mangiati. Giusto ogni tanto quanno facimme queste feste che mi pare di fare la festa del paese».Ora, Diario mio, io il crocchè a casa mia lo mangio eccome, anche la macchiulella come dice muglierema. Una volta fritto o crocchè mica lo puoi guardare dalla macchiulella se viene bene o meno. L’importante è che la parte abbruciata, cioè sta famosa macchiulella, tu la lievi di miezo al mumento iusto come dice l’assessore amico mio e nun te inuossechi con la parte amara!A presto, buona serata a te

I fatti e le circostanze narrate sono di pura fantasia. Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale

Satyricon

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.