Log in
22-Aug-2019 Aggiornato alle 11:44 +0200

Sant'Antimo, Chiariello (Cdx): beni confiscati? disonestà intellettuale sindaco è disarmante

  • Scritto da Nota Stampa Corrado Chiariello consigliere CDX Sant'Antimo
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti

Un nuovo attacco di Corrado Chiariello coordinatore del centro destra a Sant'Antimo nei confronti del sindaco e dell'amministrazione  

La disonestà intellettuale del sindaco di Sant’Antimo è disarmante: non ha un solo merito ma se li attribuisce tutti: non solo non ha espropriato un bel niente a nessuno ma viene a raccontarci, con l’egocentrismo tipico dei megalomani, di essere stato il protagonista di chissà quale stagione della legalità. Insomma, siamo alle solite pagliacciate”.

Così, commentando le dichiarazioni del sindaco di Sant’Antimo sulla destinazione d’uso dei beni confiscati alla criminalità organizzata, il consigliere Corrado Chiariello, coordinatore dell’opposizione di centrodestra del Comune di Sant’Antimo.

Leggi anche: Chiariello: "Come sempre il sindaco continua a dimostrare di essere pronto a tutto e al contrario di tutto pur di non assumersi le responsabilità"

Ci chiediamo piuttosto - aggiunger - dov’era Il sindaco Russo quando, senza alcun aggravio alle casse comunali ed anzi recuperando oltre due milioni di euro, le precedenti amministrazioni destinavano gli immobili confiscati ai Carabinieri, ai disabili o alla formazione per gli extracomunitari”, ricorda Chiariello. “Forse a Solopaca a godersi il suo buon vino? Qualcuno gli spieghi in modo chiaro che chi confisca i beni ai camorristi è lo Stato, il comune, al massimo , può solo rendersi disponibile a gestirli. E speriamo che lo faccia in modo trasparente e nell’interesse della collettività. Per questo, invitiamo il sindaco a non utilizzarli come strumento di propaganda, come sta facendo in questa campagna politica volta a recuperare un’ immagine oramai irrimediabilmente compromessa dai tanti fallimenti, dalle tante promesse mai mantenute”.

Visto che fino ad oggi se c’era un immobile libero l’ha elargito ai clientes di qualche associazione-amica e visto che fino ad oggi di tutto può vantarsi fuorché di aver portato trasparenza e legalità, un suggerimento glielo diamo: lavori in silenzio, produca qualcosa di concreto e di utile alla comunità oppure se ne ritorni a Solopaca proponendosi di non tornare. Che è poi il migliore augurio che oggi ci sentiamo di fare a chi amiamo veramente: Sant’Antimo”, conclude Chiariello.