Log in
18-Oct-2019 Aggiornato alle 19:07 +0200

Sicignano degli Alburni: Sequestrata Attività di Deposito Giudiziario

  • Scritto da Nota Stampa Carabinieri
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti

Posti i sigilli di sequestro ad un noto deposito giudiziario con attività di rimessa di autoveicoli sito in Sicignano degli Alburni 

- Scarico di acque reflue industriali sul suolo e nel sottosuolo senza la preventiva autorizzazione.

- Gestione illecita di rifiuti e Discarica Abusiva 

- una persona denunciata in stato di libertà

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, hanno apposto i sigilli di sequestro ad un noto deposito giudiziario con attività di rimessa di autoveicoli sito in Sicignano degli Alburni (SA). Nell’ambito di servizi pianificati con la Procura della Repubblica di Salerno e volti al monitoraggio del territorio ed alla salvaguardia delle matrici ambientali, i militari hanno effettuato un controllo ad un deposito giudiziario accertando che, direttamente sul suolo dell’area tuttora adibita alla custodia dei veicoli sottoposti a sequestro e senza alcuna protezione, vi erano ammassate numerose carcasse arrugginite di autoveicoli non bonificate, olii esausti ed altri materiali ferrosi che esposti direttamente all’azione delle precipitazioni atmosferiche causavano l’inquinamento delle falde acquifere sottostanti per effetto dell’immissione nel terreno delle acque piovane contaminate dal contatto con questi rifiuti e non sottoposte ad alcun trattamento depurativo. L’attività illecita, che insiste in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico ed a rischio di pericolosità di frane, è condotta inoltre a ridosso del Vallone delle Corsie, affluente del fiume Tanagro.

Leggi anche: SALERNO, OMICIDIO AUTUORI: 5 ORDINANZE CAUTELARI A CARICO DEGLI AUTORI

All’esito degli accertamenti di rito, dai quali è scaturita la denuncia del responsabile e su richiesta concorde della Procura della Repubblica, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Salerno ha disposto il sequestro preventivo dell’intero deposito giudiziario, onde precluderne la disponibilità all’ indagato ed interromperne l’ illecita attività ravvisando anche il reato di discarica abusiva nell’ambito della illecita gestione dei rifiuti contestata dal NOE.