Log in
12-Nov-2018 Aggiornato alle 19:13 +0100

Vibonati, sequestrato un sito adibito a detenzione illecita di cinghiali

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Carabinieri Salerno
  • Pubblicato in Ambiente
  • 0 commenti
Vibonati, sequestrato un sito adibito a detenzione illecita di cinghiali Foto: Carabinieri Vibonati, sequestrato un sito adibito a detenzione illecita di cinghiali

Gli animali erano nutriti e stavano bene mancavano le autorizzazioni alla detenzione. Denunciati i proprietari dell'area.

I militari delle Stazioni Carabinieri Forestale di Montesano sulla Marcellana e di Sapri, nell’ambito di mirati controlli volti a prevenire e reprimere azioni in danno dell’ambiente e degli animali, hanno scoperto un sito di detenzione illecita di animali.

In località “Santa Lucia” del comune di Vibonati i militari hanno rinvenuto all’interno di un’area boscata un significativo numero di cinghiali (Sus scrofa) allevati in recinti.

Dall’ispezione dei luoghi è emerso che la popolazione di cinghiali, composta da 17 capi, è variegata quanto ad età dei capi, gli individui hanno infatti età che varia dai sette mesi ai cinque anni, riceve sostentamento quotidiano e che però non risultano titoli che autorizzino la detenzione.

Leggi ancheGESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI: DENUNCIATO IL TITOLARE DI UNA AZIENDA ZOOTECNICA

I militari hanno quindi accertato non sussistere elementi evidenti di maltrattamento ma sussistere invece gli estremi della detenzione illecita di esemplari vivi di mammiferi selvatici che costituiscono pericolo per la salute e l’incolumità pubblica per la cui detenzione occorre autorizzazione della Prefettura.

Per completezza di informazione si aggiunge che la legge Regione Campania n.26 del 2012 disciplina anche gli allevamenti privati di specie cacciabili prescrivendo che gli stessi debbano essere autorizzati dall’ente Regione.

Hanno quindi provveduto a porre sotto sequestro l’intera area di circa 1500 mq ed affidato in custodia gli animali per assicurarne la cura ed il sostentamento. Denunciati i proprietari dell’area.