Log in
12-Nov-2018 Aggiornato alle 19:13 +0100

Scoperto un nuovo “microrgano” all’interno del sistema immunitario

Scoperto un nuovo “microrgano” all’interno del sistema immunitario Foto: https://www.garvan.org.au/news-events/news/new-micro-organ-was-hiding-in-plain-sight - I micro organi scoperti Scoperto un nuovo “microrgano” all’interno del sistema immunitario

La scoperta rappresenta un passo importante verso la comprensione della risposta immunitaria e la produzione di vaccini migliori.

Nuovi micro-organi, essenziali nel funzionamento del sistema umanitario, sono stati scoperti nei topi e negli umani dai ricercatori dell'Garvang Institute for Medical Research (Australia). La ricerca è stata pubblicata su Nature Communications.

Questi micro-organi si trovano nella parte superiore dei linfonodi di collo e ascelle e si rendono visibili quando siamo ammalati ingrandendosi e svelando la loro presenza. Sono invisibili quando siamo in buona salute.

Tali strutture sottili e piatte sono state ritrovate originariamente nei topi denominandole foci proliferativi sottocapsulari (SPF) per poi riscontrale anche all’interno di sezioni dei linfonodi di pazienti grazie alla sofisticata microscopia “a due fotoni” in vivo, con cui si è potuto vedere che diverse classi di cellule immunitarie come le cellule di memoria B che trasportano informazioni sul modo migliore di attaccare l’infezione, si riunivano insieme negli SPF.

Leggi ancheQUANTA PLASTICA INGERIAMO (INVOLONTARIAMENTE) OGNI ANNO?

Gli scienziati ritengono che questi foci proliferativi abbiano la funzione di memoria del sistema immunitario memorizzando delle informazioni importanti sulle infezioni passate e sulle vaccinazioni. Inoltre costituiscono anche un punto di raccolta, dove le cellule immunitarie si riuniscono per innescare una risposta rapida contro un'infezione con cui siamo già entrati in contatto svolgendo un ruolo importante nel garantire la resistenza a lungo termine agli agenti patogeni.

La struttura degli SPF è stata identificata attraverso un “film” del sistema immunitario in azione, utilizzando una microscopia ad alta risoluzione 3D in animali viventi. Appena gli SPF individuano batteri e virus, attivano una potente e immediata risposta immunitaria iniziando a secernere anticorpi che neutralizzano virus o batteri.

Questa nuova scoperta rappresenta un passo importante verso la comprensione di come produrre vaccini migliori in futuro per combattere le infezioni.

Dott. Giuseppe De Carlo

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.