Log in
21-Oct-2017 Aggiornato alle 18:34 +0200

La luce sugli oceani: poesia cinematografica e letteraria

Foto Google Foto Google

La luce sugli oceani è uno straordinario libro scritto da un’ altrettanto straordinaria scrittrice, M.L. Stedman. Ho avuto la possibilità di imbattermi recentemente anche nel film, scritto e diretto nel 2016 dal regista Derek Cianfrance e tratto dall’omonimo romanzo.

Nonostante sia scettica quando mi imbatto in film tratti da romanzi (l’esperienza mi insegna che le parole non riescono mai ad essere adeguatamente tradotte in immagini), in questo caso mi sono dovuta ricredere.

Il film riesce a trasmettere esattamente lo stesso capitale emozionale del libro, senza ombre, omissioni o salti narrativi.

Tom è reduce dalla Grande Guerra, stanco e disincantato nonostante la giovane età, motivo per cui decide di accettare un lavoro come custode del faro di Janus, un’isoletta sperduta nell’Australia occidentale.

 Tom accetta, ma il giorno prima di partire incontra Isabel, una ragazza bellissima e piena di vita.

L’idillio e la passione iniziale della giovane coppia, cederanno presto posto ad un dolore angosciante dovuto all’impossibilità di Isabel di avere figli.

L’ improvviso arrivo di una barca naufragata a Janus sconvolgerà la vita di Tom e Isabel , dando vita ad un conflitto straziante dove il lettore/spettatore comincerà a porre in questione il limite tra il giusto e l’ingiusto, il bene e il male, tra l’amore e la possessione, mettendo così in dubbio ciò che viene comunemente ritenuto morale ed etico.

Un film ed un libro che trattano non solo d’amore, ma aprono riflessioni sulla vita e sull’importanza del perdono. 

Ogni protagonista sembra avere un ruolo positivo, non esiste la classica distinzione tra buoni e cattivi, per cui lo spettatore/lettore si troverà spiazzato e indeciso, non riuscendo a schierarsi completamente dalla  parte di nessuna delle fazioni in gioco, ma condividendo il dolore di ognuna di esse.

Il libro è pura poesia, un testo che rimarrà in vetta alla vostra lista di romanzi preferiti, ampliando le vostre pretese letterarie; il film è un’ottima traduzione cinematografica , in quanto tale una pellicola di alto livello.

Consigliatissimi entrambi!