Log in
26-Sep-2017 Aggiornato alle 7:44 +0200

Io prima di te: la differenza tra vivere ed esistere

Foto Google Foto Google

Io prima di te è un romanzo della scrittrice Jojo Moyes edito dalla Mondadori.

Il titolo e la copertina del libro possono sicuramente ingannare il lettore, che rintraccerà in questo romanzo un libro rosa, romantico e strappalacrime. La definizione non è poi così lontana dalla realtà, ma Io prima di te è un testo dotato di una  sensibilità che non riesce a non sfiorare l’animo di chi si appropria della storia, leggendola avidamente e trovandosi ad affrontare un tema tutt’altro che leggero e disimpegnativo.

Louisa Clark è una ragazza di 26 anni che conduce una vita piuttosto serena: adora fare la cameriera, entrando quotidianamente in contatto con le storie personali dei clienti, e ha un fidanzato storico, che spesso non riesce a comprendere, o almeno non più come in passato.

D’improvviso il bar dove lavora chiude e Louisa si ritrova costretta a ridefinire se stessa, cercando un nuovo lavoro; viene così assunta presso la casa dei Traynor, per poter tenere compagnia al figlio tetraplegico, Will. Solo successivamente Louisa comprenderà il vero motivo della sua assunzione, ossia convincere Will, stanco di una vita vissuta nell’ombra e nella dipendenza dagli altri, a non mettere fine alla sua esistenza tramite il suicidio assistito.

Jojo Moyes affronta il tema dell’eutanasia con una delicatezza fuori dal comune, permettendo di osservare la questione da differenti punti di vista, ossia dalla parte di chi compie tale scelta, e da chi la subisce, restando a guardare.

Il romanzo narra in maniera toccante una storia d’amore che ha un sapore nuovo e inusuale, un sentimento che non da importanza a barriere che appaiono insormontabili, unendo due personalità opposte.

Difatti Louisa e Will vivono e concepiscono la vita in maniera totalmente discordante, anche se  sorprendentemente armonica, intessendo un rapporto in cui Will insegnerà a Louisa l’importanza dell’autonomia e della libertà di scelta, rendendo così  la vita un evento unico e sorprendente.