Log in
24-Sep-2018 Aggiornato alle 18:01 +0200

La La Land: il musical del XXI secolo

La La Land è un film del 2016 diretto e scritto da Damien Chazelle. Pluripremiato, La La Land riceve ben 14 candidature agli oscar e 7 Golden Globe, stabilendo un record nella storia della cinematografia. La pellicola riprende lo stile dei film musicali degli anni cinquanta e sessanta, dove la trama funge quasi da sfondo e in cui a spiccare sono i momenti canori e corali. 

Mia e Sebastian, protagonisti del film, dopo un incontro casuale si innamorano, condividendo la speranza per i sogni mancati di entrambi: Mia è un’aspirante attrice, mentre Seb è un musicista jazz che sogna di aprire un locale tutto suo. La trama di La La Land è facilmente riassumibile in poche righe, anche perché si tratta di una vicenda raccontata decine e decine di volte nella storia del cinema: i due protagonisti si incontrano, si innamorano, condividono gioie e dispiaceri, finché la vita non li fa allontanare, per poi ritrovarsi anni dopo e rammentare il dolore per non aver colto un’ occasione unica di vivere il vero amore.

Leggi anche"A CASA TUTTI BENE": LA FAMIGLIA COME ORRORE O RIFUGIO?

Di sicuro a rendere La La Land un film così noto e memorabile non è quindi la vicenda narrata, bensì il modo in cui viene raccontata, oltre a risvegliare negli spettatori un sentimento nostalgico al ricordo della filmografia del passato. Indiscussa la bellezza della scena iniziale della pellicola, dove su un’autostrada di Los Angeles trafficata e assolata, parte un’esibizione acrobatica coinvolgente e ricca di energia, un inizio che alza di molto le aspettative su un film a mio parere discreto, ma non imperdibile, dove il successo sta nell’aver ripreso un genere un pò di nicchia, rispolverandolo e ridonandogli luce, offrendo così allo spettatore un’occasione di evasione dalla banalità e insensibilità odierna.