Log in
17-Nov-2017 Aggiornato alle 19:02 +0100

Solo "7 minuti" la lotta di 300 operaie rappresentate da 11 donne

Un film che fa riflettere e che risveglia gli animi affrontando un tema forse dimenticato o vissuto in maniera rassegnata. Tratto dall’omonimo testo teatrale di Stefano Massini, "7 minuti" è un film di Michele Placido del 2016, rifacentesi ad un fatto realmente accaduto in una fabbrica dell’Oltralpe. Un gruppo di undici donne, dieci operaie e un’impiegata: nelle loro mani il destino di trecento operaie.  La piccola fabbrica in cui queste donne lavorano viene venduta ad una multinazionale francese, per cui il piccolo comitato di rappresentanza della forza lavoro attende con ansia la fine delle contrattazioni di vendita.Lo spettatore assiste a queste…

Captain Fantastic: la società utopica dei Cash

Un film che mette a confronto due modi di vita estremi a confronto: da un lato l'eccessiva privazione e dall'altro giusto l'opposto. Captain Fantastic è un film del 2016 diretto da Matt Ross. Ben Cash, interpretato da Viggo Mortensen, è un padre di sei figli, rimasto solo in seguito al drammatico suicidio della moglie. Ben Cash ha deciso di crescere in maniera originale i propri figli, sottraendoli dalle velleità e dalle tentazione della società consumistica e utilitaristica: niente televisione, né videogiochi, né elettricità, né cibo industriale. La famiglia Cash vive nella foresta, caccia la selvaggina, sono in diretto contatto con…

Un Bacio: il dolce amaro della gioventù

Un bacio è un film del 2016 scritto e diretto da Ivan Cotroneo, tratto dal suo omonimo romanzo. Blu, Antonio e Lorenzo sono tre adolescenti, studenti del liceo Newton di Udine; Blu è una ragazza emarginata, considerata di “facili costumi”; Antonio è un ragazzo timido e schivo, che riesce ad esprimere se stesso unicamente nel basket; Lorenzo, invece, è un ragazzo gay adottato. I tre ragazzi creano un rapporto indissolubile, vero ed estremo, tipico delle relazioni adolescenziali, uniti dalla comune non accettazione ed emarginazione che il resto dei compagni gli riservano. L’iniziale rapporto idilliaco dei tre assumerà una piega negativa…

Piuma: il sapore del “già visto”

Piuma è un’ironica commedia del regista Roan Johnson, presentata in concorso a Venezia nel 2016. I diciottenni Ferro e Cate scoprono di aspettare un bambino e, nonostante la giovane età, decidono di affrontare i nove mesi più emozionanti e complessi della loro vita, in una pellicola in cui l’attenzione è focalizzata non solo sui due adolescenti ma soprattutto sul mondo adulto che li circonda. Si tratta di un film che osserva la superficialità adolescenziale, l’inattitudine dei genitori ad essere definiti tali, nonché l’incapacità generale di affrontare in maniera profonda, e quindi adeguata, la delicatezza di determinate situazioni. Scena emblematica è…

The Truman Show: la vita è/e un reality show

The Truman Show è un film del 1998 del regista Peter Wein , una metafora incredibile che estremizza alcuni lati oscuri della nostra società, diagnosticando una profezia tanto audace quanto brillante. Truman Burbank, interpretato da Jim Carrey, vive sorvegliato sin dalla nascita, 24 ore su 24, star inconsapevole del reality show più longevo della storia televisiva. Truman si limita ad avere una vita serena e tranquilla, con un lavoro e un matrimonio discreti, conducendo la sua esistenza su un’isola lontana dai centri urbani. Tutto ciò che circonda Truman è fittizio: la moglie e il miglior amico sono attori, le persone…

Inside out: il palcoscenico della mente

Inside out è un film di animazione del 2015 prodotto dalla Pixar Animation Studios. Inserendolo in questo genere cinematografico, si potrebbe erroneamente pensare che si tratti di una pellicola adatta prevalentemente ad un pubblico infantile. In realtà, a parer mio, per poter cogliere il senso più profondo del film è indispensabile una buona dose di maturità e sensibilità. Riley è una ragazzina di 11 anni la cui vita viene messa duramente alla prova da un improvviso trasferimento in una nuova città: cosa accadrà ora? Quali pensieri si affollano nella testa di Riley? Lo spettatore gode di un osservatorio privilegiato, ossia…

Split: la 24esima identità, un thriller del regista M. Night Shyalaman

Split è un thriller del 2016, scritto e diretto dal regista M. Night Shyalaman Il film è ispirato alla figura di Billy Milligan, un criminale statunitense affetto da sdoppiamento della personalità, il cui caso sconvolse l’opinione pubblica statunitense negli anni settanta. Il protagonista, Kevin Wendell Krumb, interpretato da un ecclettico James Acvoy, soffre di disturbo dissociativo dell’identità a causa di abusi subiti durante l’infanzia: in Kevin convivono 23 differenti personalità, con caratteristiche e peculiarità opposte e divergenti. Allo spettatore vengono presentate solo alcune di queste identità, tra cui Hedwig, un bambino di 9 anni, Patricia, una donna forte e autoritaria,…

Collateral beauty: la Bellezza Collaterale

Collateral beauty è un film drammatico del regista David Frankel, una pellicola che vanta un cast stellare, suscitando giudizi e pareri contrastanti. Howard, interpretato da Will Smith, è un pubblicitario di successo, a cui viene stravolta l’esistenza a causa della dolorosa morte della figlia di soli sei anni; la vita di Howard resta drammaticamente e definitivamente segnata. Tre dei suoi migliori amici, nonché colleghi, incapaci di risollevarlo con i metodi più tradizionali, decidono di ingaggiare tre attori che impersonificheranno tre concetti astratti a cui Howard ha sempre dato particolare rilevanza nella sua interpretazione dell’esistenza: la Morte, l’Amore e il Tempo.…

La foresta dei sogni: il luogo perfetto

La foresta dei sogni è un film del 2015 del regista Gus Van Sant. Si tratta di una pellicola drammatica ambientata nella foresta di Aokigahara, che vuol dire letteralmente mare di alberi. La foresta si trova alla base nord-ovest del monte Fuji, in Giappone, ed è stata spesso definita il posto perfetto per morire. Il silenzio assordante della foresta, inquietante piuttosto che rilassante, la quasi totale assenza di fauna, la fitta densità di alberi che isola l’area dal sole e dal vento, rendono questo posto un luogo ideale per mettere fine alla propria esistenza. Si contano circa 100 suicidi all’anno…

Land of mine: le atrocità silenziose della guerra

Land of mine-Sotto la sabbia è un film del 2015, diretto da Martin Zandvliet. La pellicola, presentata agli Oscar come miglior film danese in lingua straniera, affronta episodi relativi alla seconda guerra mondiale. Si tratta di fatti e accadimenti reali ma poco conosciuti, in quanto non trattati adeguatamente nei libri di storia. Successivamente alla resa della Germania nel 1945, migliaia di soldati tedeschi furono fatti prigionieri e costretti a disinnescare più di due milioni di mine tedesche sparse lungo le coste danesi. Quando parlo di soldati tedeschi, non vorrei dare un’errata immagine al lettore: parlo di ragazzini di circa 13-14…
Sottoscrivi questo feed RSS