Log in
23-Oct-2018 Aggiornato alle 17:24 +0200

Qualiano, un successo il Convegno sulla Legalità promosso dall'Ass. "Terra Viva"

Qualiano, un successo il Convegno sulla Legalità promosso dall'Ass. "Terra Viva" Foto: redazione Qualiano, un successo il Convegno sulla Legalità promosso dall'Ass. "Terra Viva"

Discusse le emergenze di Napoli Nord con il Sostituto Procuratore Nazionale Anti mafia Cesare Sirignano.

Interessante è stato il Convegno celebrato domenica 22 aprile la Sala consiliare del Comune di Qualiano. Ad essere affrontate dai convenuti e dagli ospiti in sala importanti emergenze sociali - “Violenza”, “Bullismo” e “Ambiente" -  racchiuse all’interno di un contenitore ben più ampio chiamato “Legalità”.

Dopo i saluti di rito e i ringraziamenti il primo a prendere la parola è stato il Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia ed Antiterrorismo, Dr. Cesare Sirignano che in un corposo ed interessante intervento a posto un importante accento sull’importanza del rispetto delle regole. Passaggio reputato necessario per una società che vuole essere chiamata civile.

Leggi anche: QUALIANO, LUNEDÌ SI ASFALTANO LE STRADE

Un altro punto significativo toccato dal Dr. Sirignano è stato la necessità di parlare costantemente della legalità ed è necessario che in tali appuntamenti educativi vi siano sempre i giovani. Proprio sull’educazione il Sostituto Procuratore si è soffermato passando dalla Scuola alla famiglia che sono i cardini della crescita della società del futuro.

Importanti sono inoltre gli “esempi” e non sempre coloro che vengono visti come tali sono coscienti della responsabilità che hanno nei confronti dei più giovani. La scuola e le famiglie quindi dovrebbero collaborare, ma in realtà si assiste sempre più a contrapposizioni dove i genitori sono acerrimi nemici dei professori e questo non giova alla crescita di una società civile; ne è testimonianza il crollo dei valori ed in virtù di ciò i più giovani tendono ad armarsi per risolvere le loro controversie.

Importantissimo poi il passaggio su Falcone e Borsellino uomini che hanno svolto il loro lavoro passione e per questo erano adorati dai cittadini, e comunque osteggiati dai loro stessi colleghi ed accusati di protagonismo, termine a cui è stata data una connotazione negativa, quando è chiaro che i protagonisti sono coloro che hanno profuso sacrifici nel loro lavoro per raggiungere obiettivi sempre più alti. Il procuratore ha concluso il suo intervento con un concetto importantissimo: non c’è libertà senza sacrificio.

L’intervento successivo è stato quello della Prof. Bruna Musello, Dirigente Scolastico IPSEOA "Duca di Buonvicino", ha affrontato il tema del bullismo dal punto della scuola dove spesso si verificano tali episodi ed ha portato la sua esperienza di dirigente di confronti con i genitori che difendono i figli a spada tratta, bollando come scherzi e goliardia comportamenti al limite della legalità.

Interessante è stato anche l’intervento della dr. Valentina Iannelli, psicologa del Centro Antiviolenza gestito dall’Associazione di Promozione Sociale “Terra Viva” che, in un brevissimo intervento ha catturato l’attenzione dei giovani in sala sul tema del bullismo, interagendo direttamente con uno di loro ricavando la principale motivazione nell’attirare su se stessi le altrui attenzioni. La dr. Iannelli ha posto anche l’accento sull’educazione naturale fornita dalla famiglia e sull’importanza del dire “no” a fini educativi.

A concludere gli interventi il Segretario amministrativo dell’Associazione Terra Viva Salvatore De Maio che ha sottolineato l’importanza del centro anti violenza per tantissimi giovani che quotidianamente chiedono aiuto per venir fuori dal bullismo.

Degno di nota l’intervento del on. Alessandro Amitrano (M5S) che ha posto l’attenzione sulla legalità e sul lavoro. Amitrano, infatti, ha sottolineato l’importanza di creare percorsi virtuosi e di mettere ai margini la criminalità perché non è pensabile creare lavoro laddove vi sono vessazioni continue del pizzo.

Interessante anche l’intervento del Vincenzo Viglione (M5S), Segretario Commissione Anticamorra e Beni Confiscati. Viglione, prendendo spunto dall’appello del dr. Sirignano a compiere maggiori sacrifici per raggiungere la libertà dai condizionamenti – criminali e non – che la società sta vivendo, ha voluto, inoltre, sottolineare l’importanza della denuncia per superare l’omertà e l’indifferenza.

Un importante contributo è stato fornito dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati Napoli Nord il dr. Gianfranco Mallardo che ha a sottolineato l’importanza di questi eventi informativi necessari per la crescita del territorio. L’avv. Mallardo, inoltre, ha assicurato che gli avvocati del territorio faranno la loro parte sempre più al fine di divulgare la cultura della Legalità.

Estremamente toccante, invece, è stato l’intervento della Signora Maria Di Buono, vedova del Vigile Urbano di Acerra Michele Liguori morto di tumore a causa del suo servizio a contrasto degli eco reati. La sig.ra Di Buono ha dato una profonda testimonianza di quanto si possa essere soli in una società che ha deciso di mettere da parte il buon senso e la legalità, portando quale esempio il lavoro svolto in solitudine dal defunto marito che ha scoperto pozzi inquinati ed è stato il primo a parlare di inquinamento a macchia di leopardo e non diffuso come dicevano le autorità.

A margine del Convegno è stato dato spazio agli interventi dal pubblico, uno dei quali è stato molto interessante che ha sottolineato la difficoltà del lavoro svolto in contesti dove la mentalità segue altri schemi non quelli della trasparenza e di giustizia.

Intervenuto anche Angelo Ferrillo, presidente dell’Associazione Terra dei Fuochi, che prendendo la parola ha dimostrato attraverso la posa simbolica di una “mela marcia” tutto il suo dissenso nei confronti del Movimento 5 Stelle, ma al termine del suo intervento il moderatore e gli organizzatori dell’evento, nella persona del Segretario Amministrativo dell’Associazione di promozione sociale “Terra Viva”, gli hanno spiegato che la domanda era fuori contesto. Ferrillo prima di lasciare la sala, meravigliandosi per non aver ottenuto risposta, si è rivolto al pubblico paragonandoli ad una “mela marcia”.

L’intervento che poi ha chiuso la manifestazione è stato di un Consigliere uscente di Qualiano Sabatino Franzese che, in un passaggio dal sapore politico, ha tentato una “passerella”; immediatamente dopo, ancora una volta, vi è stata la puntualizzazione del Segretario Amministrativo dell’Associazione Terra Viva, che ha tenuto a precisare che il Convegno non era di natura politica, ma solo informativa.

 

Pasquale Vergara

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.