Log in
20-Oct-2019 Aggiornato alle 9:49 +0200

Qualiano, situazione economica critica: approvato il Riequilibrio con parere sfavorevole dei Revisori dei Conti

Qualiano, situazione economica critica: approvato il Riequilibrio con parere sfavorevole dei Revisori dei Conti Foto: Archivio Qualiano, situazione economica critica: approvato il Riequilibrio con parere sfavorevole dei Revisori dei Conti

Troppe le incertezze: Qualiano Multiservizi, "Eredi Monaco", 31mila euro di IVA 2016 e 620mila euro di squilibrio sulla spesa corrente. 

Si è tenuto il 19 settembre scorso l’ultimo Consiglio comunale di Qualiano che tra gli altri punti recava l’approvazione del Riequilibrio di Bilancio.

Quanto accaduto nell’Assise cittadina non è certo un risultato da festeggiare come fanno alcuni esponenti della Maggioranza sui social.

È stato approvato, infatti, il Riequilibrio di Bilancio con ben due pareri negativi del Collegio dei Revisori dei Conti, di cui uno era presente in aula in rappresentanza dell’intero Collegio.

La Maggioranza, prendendosi una grandissima responsabilità, nonostante quanto riportato dai pareri dei revisori (il primo riguardante proprio il Riequilibrio di Bilancio e l’altro riguardante il Piano di Rientro) ha ciononostante approvato gli atti.

Nel primo documento i Revisori sono chiarissimi quando affermano che oltre ai famosi circa 5 milioni da ripianare, vi sono ulteriori circa 620mila euro che risultano quale squilibrio della spesa corrente.

I Revisori continuano nella loro lucida analisi affermando che mancano le relazioni della struttura di controllo della Municipalizzata soggette al controllo analogo sullo stato di attuazione degli obiettivi. Tradotto in parole povere dicono che non hanno nessuna informazione su come stanno andando le cose nella Qualiano Multiservizi sia nel 2018 che per il 2019 e su eventuali disavanzi.

Per dovere di cronaca dobbiamo ricordare che, ad oggi, in violazione del Codice civile non è stato approvato il Bilancio 2018 della Qualiano Multiservizi. Non solo, tocca a noi precisare che il Comune di Qualiano sembra dimenticare l’ulteriore richiesta da parte degli “Eredi Monaco” ancora da quantificare.

I Revisori, dulcis in fundo, concludono rilevando che vi sono ulteriori 31mila euro da versare all’Agenzia delle Entrate frutto in errore nell’IVA relativa all’anno 2016 da riconoscere come debito fuori bilancio.

Nel secondo documento, esprimono parere e valutazione sulla proposta di delibera in merito alle modalità con cui si intende ottenere il ripianamento del debito (5milioni) negli esercizi finanziari fra il 2019 e il 2021ta si intende ripianare il debito con circa 1,5milioni di euro con cadenza costante negli esercizi il 2019 e il 2021.

La Giunta ritiene di poter ottenere il Ripianamento del debito tramite aumento dell’IMU, aumento dell’addizionale Irpef, potenziamento delle attività di accertamento, riscossione dell’imposta sulle affissione pubblicitarie e i diritti sulle pubbliche affissioni e del canone di occupazione degli spazi ed aree pubbliche comprese le aree mercatali. Ancora attraverso definizione dei condoni edilizi, attività di contrasto ad evasione di IMU TASI e TARI ed incremento delle attività di accertamento dei proventi derivanti dalle violazione al Codice della Strada da parte del settore della Polizia Municipale.

Nonostante tali buone intenzioni espresse il responso sfavorevole dei Revisori è stato impietoso e durissimo.

Affermano che il ripianamento del disavanzo potrà avvenire secondo le misure proposte, solo se tempestivamente attivate, che non risultano coerenti e soprattutto realizzabili con l’attuale situazione organica del comune.

Forse a rendersi conto effettivamente della gravità della situazione l’Opposizione che ha votato contro ad eccezione del Consigliere De Luca che era assente. Ha votato contro nonostante alcuni componenti di quest’ultima fossero Sindaco, Vicesindaco per un frangente Presidente del Consiglio Comunale della precedente amministrazione.

Le finanze della città di Qualiano non sono delle migliori situazioni. I cittadini devono solo sperare che il Sindaco riesca a tirare fuori il “coniglio dal cilindro” altrimenti l’unica via di uscita è facilmente immaginabile.

Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.