Log in
18-Jul-2019 Aggiornato alle 11:35 +0200

Qualiano, alla "Don Bosco" conclusi i Pon "Cittadinanza Globale" e “Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico”

Qualiano, alla "Don Bosco" conclusi i Pon "Cittadinanza Globale" e “Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico” Foto: redazione - Momento della chiusura del Pon Qualiano, alla "Don Bosco" conclusi i Pon "Cittadinanza Globale" e “Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico”

I PON hanno dato una risposta al territorio creando un vero e proprio campo scuola pubblico, educando gli scolari alla conoscenza del territorio.

Progetto innovativo quello del Plesso Don Bosco dell’Istituto Comprensivo Don Bosco – Verdi di Qualiano, dove insegnanti, esperti ed alunni hanno dato vita a due PON per dare una risposta al territorio.

Leggi ancheSPORT ARTI MARZIALI, UNA PIOGGIA DI MEDAGLIE A QUALIANO, VILLARICCA, GIUGLIANO E CALVIZZANO

photo_2019-06-24_17-38-09.jpg

Organizzato e fortemente voluto, infatti, su spinta della Dirigente la Prof.ssa Tiziana D’Aniello, un “Campo Scuola” che è andato in funzione al termine delle attività didattiche e ha dato l’opportunità alle famiglie di non spendere ulteriori soldi in strutture private. Due sono stati i PON, infatti, che si sono conclusi questa mattina a scuola in un clima di gioia e di divertimento.

photo_2019-06-24_17-37-55.jpg

Il primo PON “Cittadinanza Globale” - diviso in due moduli intitolati #educazioneciboterritorio #latavoladeimillecolori  - è stato indirizzato alle classi prime e seconde. Gli scolari qualianesi, nell’ambito delle attività, hanno potuto riscoprire i sapori della dieta mediterranea. È stata trattata, quindi, la sana alimentazione, sono stati scoperti i cibi del territorio, ma soprattutto è stata la giusta occasione per parlare di chilometro zero, andando a ricercare proprio i frutti che il territorio di Qualiano e d’intorni potesse offrire.

photo_2019-06-24_17-37-51.jpg

Il secondo PON “Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico” #allascopertadeitesorinascosti, invece, indirizzato alle classi terze e quarte ha visto l’attivazione dei primi due moduli: “Scavo e Scovo” e “Restauro e Conservo”. In questo caso gli alunni, definiti baby archeologi, sono stati avvicinati al mondo dell’archeologia da un lato riscoprendo i tesori del territorio di Qualiano e dall’altro hanno potuto apprendere i rudimenti del lavoro di restauro, dove gli alunni hanno potuto restaurare ciò che il gruppo di baby archeologi ha trovato scavando.

Il fine ultimo è quello di far crescere cittadini attivi che possano avere a cuore il territorio dove vivono.

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.