Log in
25-May-2019 Aggiornato alle 11:18 +0200

Pozzuoli, rapinano un distributore in via solfatara: arrestati

Pozzuoli, rapinano un distributore in via solfatara: arrestati Foto: Carabinieri

Si tratta di un 18enne e un 19enne di Pianura e un 17enne di Quarto a bordo di uno scooter senza targa rubato.

In tre in sella ad uno scooter senza targa – rubato ad una quarantenne del posto – con passsamontagna sul volto e due armati di pistola, hanno rapinato il dipendente di un distributore di carburante su via Solfatara, costringendolo ha farsi consegnare l’incasso circa 125 euro.

Leggi anchePOZZUOLI: CAMORRA, CARABINIERI ESEGUONO 3 ARRESTI PER OMICIDI COMMESSI NEL 2008

 Hanno tentato di rapinare, contemporaneamente, anche un cliente puntandogli una pistola alla tempia. Una volta arraffato il bottino si sono dati alla fuga a bordo dello scooter pensando di averla fatta franca, ma non potevano aspettarsi la solerzia di un passante che, visto quanto accadeva, ha provveduto a avvertire il 112.

Ad intervenire e mettersi all’inseguimento dei tre, un 19enne un 18enne entrambi di Pianura ed il loro complice minorenne di Quarto, sono stati i Carabinieri dell’aliquota Radiomobile e della Stazione di Pozzuoli. I tre sono stati inseguiti dai Militari dell’Arma per circa un chilometro quando nei pressi di una rotonda hanno perso il controllo del mezzo su cui scappavano e sono caduti.

A quel punto i Carabinieri hanno provveduto a bloccare il 17enne, mentre glli altri due sono riusciti a darsi alla fuga. I Militari dell’Arma li hanno comunque rintracciati nel cantiere per un nuovo tunnel in via Fasano, il 19enne è stato trovato in un buco nel cemento, mentre l’altro che nel frattempo aveva guadagnato l’uscita del tunnel è stato preso mentre paseggiava con aria indifferente.

L’esito delle perquisizioni operate sui tre hanno portato al rittrovamento del bottino addosso al minorenne, restituito all’avente diritto e hanno sequestrato i passamontagna e i giubbini. I tre sono stati arrestati per rapina aggravata e ricettazione e sono stati tradotti in carcere. Il minorenne, invece, è stato tradotto preso il Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.