Log in
13-Nov-2018 Aggiornato alle 18:40 +0100

Sport. Napoli, Radio Club 91: intervengono Sandro Mazzola, Massimo Pavan e Gianfelice Facchetti sull'incontro con la Juve

  • Scritto da Nota Stampa Radio Club 91
  • Pubblicato in Sport
  • 0 commenti
Sport. Napoli, Radio Club 91: intervengono Sandro Mazzola, Massimo Pavan e Gianfelice Facchetti sull'incontro con la Juve Foto: redazione

Facchetti: “Napoli – Juve partita di cartello. Papà? Avrebbe voluto giocare a Napoli”

Gianfelice Facchetti, figlio del compianto Giacinto Facchetti, ex bandiera dell’Inter degli anni ’60, è intervenuto ai microfoni di Radio Club 91, durante il programma Globuli Azzurri condotto da Samuele Ciambriello e Sonia Sodano : “Napoli - Juve è sempre una partita molto calda – commenta Facchetti-. La piazza ovviamente risponde a certe partite sempre presente, al Napoli finora è mancata un po’ di continuità e questa è l’occasione migliore per tornare a correre e dimostrare molto. Difronte c’è la squadra che ha rischiato di vincere la Champions e che ha dominato in Italia per 4 anni, quindi non è una partita semplice al di là del momento. Se i vari Hamsik e Callejon faranno la loro parte allora il Napoli avrà buone chance di portare a casa un risultato positivo”. Gianfelice ha parlato anche del padre, Giacinto Facchetti: “Tra mio padre ed il Napoli c’è stato sempre un filo speciale – ammette Facchetti-. Lui diceva sempre che se ci fosse stata un’altra squadra in cui avrebbe voluto giocare sarebbe stato il Napoli. Visse una delle serate più bella della sua vita in semifinale all’Europeo del 1968 con il lancio della monetina che decretò il passaggio in finale dell’Italia, proprio a Napoli”.

Pavan: “In campo Buffon e Morata. Hamsik? Alla Juve sarebbe divenuto l’erede di Nedved”

Massimo Pavan, vicedirettore della testata giornalistica TuttoJuve.com, è intervenuto ai microfoni di Radio Club 91, durante il programma Globuli Azzurri condotto da Samuele Ciambriello e Sonia Sodano: “C’è sempre grande attesa per Napoli –Juve, anche se in questo momento non è una partita da vertice. C’è sempre una grande rivalità che è nata negli anni, l’anno scorso c’era la sfida nella sfida tra Tevez ed Higuain. Domani in campo Buffon, mentre potrebbe rientrare Evra in campo al posto di Alex Sandro ed al posto di Lichtsteiner dovrebbe essere adattato Padoin. In attacco Dybala e Morata, al massimo giocherà Pereyra. Pensavo che la Juve potesse vivere la svolta dopo la partita contro il Manchester. Questa della Juve è una rosa altamente competitiva e, non ha nulla in meno dell’anno scorso, eppure con il Frosinone si sono visti passi indietro. Hamsik? E’ stata una trattativa in gran segreto. Marek poteva essere un grande erede di Nedved e sarebbe stato utile, ma lui è una bandiera ed è giusto che resti a Napoli”.

Mazzola: “Al Napoli serve un leader che sblocchi le partite. Napoli – Juventus? La Juventus ha più pressioni”

Sandro Mazzola, ex bandiera dell’Inter, è intervenuto ai microfoni di Radio Club 91, durante il programma Globuli Azzurri condotto da Samuele Ciambriello e Sonia Sodano: “ Difficile trovare il cammino giusto – ammette Mazzola -. Il Napoli sta facendo un ottimo campionato, in queste ultime partite è mancato l’uomo che si caricasse la squadra sulle spalle. Il Napoli ha i giocatori per rendere impenetrabile la difesa, ed anche quelli per sfondare le difese schierate. In questo momento per i calciatori d’attacco c’è forse un momento di appannamento, e mi riferisco all’ultima partita con il Carpi. Trovare un leader non è semplice ma sono in molti i candidati. Inter? In questo momento ha compattezza e determinazione che non ha mai avuto. La grande squadra dev’essere così, cinica e forte, soprattutto sanno non prendere gol. Napoli – Juventus? E’ una partita importantissima per la Juve che se domani non fa risultato è un dramma. La responsabilità del risultato è tutta dei bianconeri”.