Log in
15-Nov-2018 Aggiornato alle 15:01 +0100

Napoli: firmato il Protocollo d'intesa "La Scuola va a bordo"

LA SCUOLA VA A BORDO, AL VIA PROTOCOLLO D'INTESA

Sì è tenuta questa mattina, nella sala della Giunta di Palazzo San Giacomo, la firma del Protocollo d'Intesa “La scuola va a bordo”, iniziativa di sensibilizzazione sulle attività del settore marittimo, portuale e logistico, rivolta agli studenti delle seconde classi degli istituti d’istruzione secondaria di primo grado. Il Protocollo, voluto fortemente dall'Assessore al Lavoro e alle Attività Produttive Enrico Panini, è stato siglato dal Sindaco Luigi de Magistris, dall'Autorità Portuale di Napoli in persona del Segretario Generale Emilio Squillante, dall'Ufficio Scolastico Regionale della Campania in persona del Direttore Generale Diego Bouché, dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Direzione Marittima della Campania – in persona del Contrammiraglio Antonio Basile, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche in persona del Direttore Paola Avallone, dal The International Propeller Clubs in persona del Presidente Umberto Masucci, dalla Fondazione Thetys - Museo del Mare in persona del Presidente Antonio Mussari, con la collaborazione della Guardia di Finanza, Base navale di Nisida e Capo Miseno, in persona del Comandante Biagio Looz.

“L'iniziativa - ha dichiarato l'assessore Panini - ha ad oggetto la promozione della conoscenza delle attività portuali e del settore shippingper gli studenti. Il progetto pilota ha già coinvolto le città di Ravenna, Livorno e Trieste. E' interesse degli Enti sottoscrittori promuovere attività del settore marittimo e portuale ed avvicinare i più giovani alle strutture logistiche del Paese con particolare riferimento al trasporto via mare, settore economico sempre più in crescita”.

Il percorso formativo di conoscenza partirà dapprima con un intervento divulgativo nelle classi, continuerà con visite guidate all’interno dei principali porti della Campania ed, infine, con “l’adozione” da parte degli studenti di una unità navale, con la possibilità per gli stessi di stare in costante contatto con la nave durante la navigazione. La definizione dei singoli programmi di intervento verrà effettuata a livello locale, coordinata dai vari Clubs territoriali aderenti all’'International Propeller Clubs da convogliare in un unico momento nazionale in occasione della Giornata Europea del Mare, il 20 maggio di ogni anno.

Nel mese di marzo si svolgeranno, a cura del Propeller Club e presso le Scuole partecipanti all’iniziativa, attività di prima conoscenza dell’ambito portuale con uso di materiali audiovisivi e materiale didattico, nonché attraverso il dialogo diretto con operatori e rappresentanti istituzionali. Contestualmente saranno individuate delle navi i cui ufficiali di bordo manterranno un contatto costante con gli studenti, in lingua inglese, rispondendo alle loro periodiche e-mail ed aggiornandoli sulla posizione della nave e sugli aspetti di maggiore importanza di carattere sia nautico, sia commerciale, sia logistico.

Nei mesi di aprile e maggio, in accordo con le Autorità Portuali locali, si svolgeranno visite guidate all’interno del Porto: sarà fornito poi ulteriore materiale didattico e vi sarà la costante presenza di operatori e di rappresentanti degli Enti e delle Associazioni coinvolti che illustreranno il tragitto.