Log in
14-Nov-2018 Aggiornato alle 19:38 +0100

Napoli, Beni confiscati: approvate le nuove linee guida per l'assegnazione

Napoli, Beni confiscati: approvate le nuove linee guida per l'assegnazione L'assessore Piscopo - Foto repertorio
Il provvedimento approvato dalla Giunta di Napoli a Palazzo San Giacomo il 20 aprile scorso

La Giunta ha approvato, il 20 aprile scorso, le linee guida per l'assegnazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata e trasferiti al patrimonio indisponibile del Comune di Napoli. A proporlo l’Assessore alle Politiche urbane e delega ai beni confiscati Carmine Piscopo.

Con il nuovo provvedimento, si legge nella nota stampa diramata, sarà possibile procedere con maggiore rapidità nelle procedure relative all'assegnazione dei beni confiscati al loro successivo utilizzo. La delibera – molto più avanzata – va a revocare le precedenti, tra l'altro, superate dalle normative vigenti.

Secondo quanto riportato dalla nota stampa, nei prossimi giorni quindi a breve saranno anche pubblicati i bandi per i beni confiscati alla criminalità che sono arrivati al Comune di Napoli nei mesi scorsi. Al momento della pubblicazione dei dell'Avviso, sarà indicato anche il calendario con le date stabilite per effettuare i sopralluoghi presso gli stabili confiscati tutti ubicati su Napoli. Le Associazioni e gli Organismi interessati alla selezione potranno presentare domanda finalizzata all'assegnazione dei beni.

«L'acquisizione di un bene confiscato alla camorra – dichiara l’Assessore Carmine Piscopo nella nota stampa – rappresenta un fondamentale momento di affermazione del primato della legalità e delle Istituzioni sulla malavita, e attraverso la successiva assegnazione si restituiscono alla collettività in modo non solo simbolico e a parziale ristoro quanto alla stessa viene quotidianamente sottratto dalle associazioni criminali, non solo in termini economici ma anche di qualità della vita, di dignità ed identità culturale».