Log in
23-Mar-2019 Aggiornato alle 18:56 +0100

Campo Rom, Del Giudice e Gaeta: sorprendono le affermazioni del Presidente De Luca

  • Scritto da nota stampa comune napoli
  • Pubblicato in Politica
  • 0 commenti

"In merito al Campo Rom di Cupa Perillo: forse, preso com'è dalla campagna elettorale, ha fatto un po' di confusione fra le differenti competenze e responsabilità"

Napoli 27 settembre 2018. "Sorprendono le affermazioni del Presidente De Luca in merito al Campo Rom di Cupa Perillo: forse, preso com'è dalla campagna elettorale, ha fatto un po' di confusione fra le differenti competenze e responsabilità. Come Governatore della Regione dovrebbe sapere che la “questione rom” non riguarda solo il Comune di Napoli ma la Regione Campania e – anzi!- l'intero territorio italiano: secondo l'ultimo dato dell'UNAR,si stima che in Italia vi siano fra i 120 e i 180 mila rom.  E allora, è facile comprendere che un tema così vasto e delicato non può essere risolto solo mediante l'azione dell'ente locale. E qui arriviamo al secondo punto: come interlocutore istituzionale, il Presidente forse ha dimenticato che a ogni puntuale richiesta dell'amministrazione locale di mettere in atto le strategie europee, di avviare tavoli di confronto e una cabina di regia, sono cadute nel vuoto: non abbiamo avuto una risposta. Da parte del Comune, i vari tentativi susseguitisi negli anni volti a favorire l’integrazione, l’inclusione e il loro riconoscimento quale minoranza (nazionale o linguistica), confermano la complessità della condizione dei rom. Ben venga, allora, la collaborazione istituzionale: ma se la Regione si ponesse come reale interlocutore del Comune di Napoli, e non solo attraverso la stampa, forse si potrebbe innescare una politica del “fare” e non del “proclamare”.

Leggi anche: POMPEI, SEQUESTRATO UN BAR BASE OPERATIVA DEL CLAN CESARANO

“In merito alla bonifica dell’intera area” dichiara il Vicesindaco con delega all’Ambiente Raffaele Del Giudice “fini dalle prime ore dell’incendio l’intervento del comune è stato rapido e d efficace. Subito dopo si è provveduto alla messa in sicurezza sotto la direzione dei Vigili del Fuoco  con lo spargimento di terreno vegetale sulle aree combuste. Di seguito si sono svolti gli interventi dell’ASIA per la rimozione dei soli rifiuti assimilabili agli urbani. Sempre su input del Comune di Napoli si sono svolti vari comitati per l’0rdine pubblico e la Sicurezza dove si è concordata l’inclusione dell’area nel Piano di Bonifica Regionale. il Comune è in attesa dall'8 agosto della comunicazione da parte degli uffici regionali per dar seguito alla sottoscrizione della convenzione che permetta l'inizio delle procedure operative, già approvata in schema dalla Giunta Comunale il 3 agosto scorso, così come  da intese intercorse con il Vicepresidente Bonavitacola. Evidentemente il Presidente De Luca,  sotto la pressione delle lamentele del Presidente di Municipalità, sarà stato tratto in errore da uno dei tanti rivoli in cui si dipanano le criticità regionali, le quali, spesso, fanno perdere di vista il quadro di insieme dei problemi e delle soluzioni che si stanno già mettendo in campo”.