Log in
18-Nov-2018 Aggiornato alle 21:36 +0100

Rubano uno scooter a Portici, un rapinatore punta una pistola ad un agente

Rubano uno scooter a Portici, un rapinatore punta una pistola ad un agente Commissariato di Portici - Fot Rubano uno scooter a Portici, un rapinatore punta una pistola ad un agente

Al termine di un rocambolesco inseguimento i due rapinatori sono stati arrestati e l'arma era a salve priva del tappo rosso.

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Portici Ercolano hanno arrestato M. D. di 25 anni e D.N. di 23 anni, responsabili in concorso del reato di rapina aggravata.

Tutto è iniziato ieri pomeriggio ad Ercolano in via Benedetto Cozzolino quando gli agenti, a bordo di una volante, hanno notato uno scooter Honda SH300 con la targa coperta da un pezzo di cartone e con due giovani a bordo. I due avevano appena affiancato uno sccoter Honda SH150 e minacciando il proprietario con una pistola lo hanno portato via.

L'intervento di uno degli agenti della volante è stato tempestivo che ha inseguito a piedi lo scooter rapinato che, nel frattempo era rallentato dall'intenso traffico veicolare. Durante l'inseguimento il 25enne ha puntato più volte l’arma contro l’agente e la manovra gli ha fatto perdere il controllo dello scooter facendolo rovinare a terra e in quella occasione ha perso l'arma. La fuga, proseguita a piedi fino a via Siani di Portici, è stata inutile perché il poliziotto è riuscito finalmente a bloccarlo.

Leggi anchePORTICI: MALTRATTAMENTI ED ESTORSIONE, ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

Nel frattempo, un'altro gruppo di agenti ha inseguito il 23enne il quale, tentando un disperato tentativo di fuga e andato a sbattere con lo scooter contro la volante, cadendo nell'impatto. I poliziotti hanno vinto la sua resistenza e lo hanno bloccato.

Recuperata e sequestrata pistola, risultata essere un modello a salve priva del tappo rosso e sequestrato anche lo scooter dei rapinatori, mentre lo scooter rubato che è stato restituito al legittimo proprietario.

Il 25enne e il 23enne sono stati condotti a presso il penitenziario di Poggioreale. A diffondere la notizia la Questura di Napoli

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.