Log in
12-Nov-2018 Aggiornato alle 19:13 +0100

Rapina un barista in via San Rocco a Napoli: beccato all'uscita del locale

  • Scritto da Nota stampa Questura di Napoli
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Rapina un barista in via San Rocco a Napoli: beccato all'uscita del locale Foto: archivio Rapina un barista in via San Rocco a Napoli: beccato all'uscita del locale

Bloccato da un Ispettore di Polizia libero dal servizio che stava entrando nel bar per la colazione.

NAPOLI - Stava entrando in un bar per consumare la colazione, in Via S. Rocco a Capodimonte, quando ha notato un uomo che aveva fretta d’uscire dall’esercizio commerciale, mentre il barista era in forte stato d’agitazione.

Avendo intuito che qualche istante prima fosse avvenuto qualcosa, un Ispettore della Polizia di Stato, libero dal servizio, che lavora quotidianamente al Gabinetto Interregionale della Polizia Scientifica di Napoli, dopo essersi qualificato, ha subito bloccato l’uomo

L’intuito del poliziotto ha consentito di sventare la rapina che G.P., pregiudicato del centro storico di Napoli, di 43anni, aveva messo a segno qualche attimo prima del suo arrivo. Il 43enne, infatti, paventando l’appartenenza ad un clan locale, dopo aver chiesto del titolare, momentaneamente assente, aveva minacciato ed aggredito con schiaffi al volto il barista, intimandogli di consegnare l’incasso.

Dopo essersi impossessato della somma di € 118,00, custodita nel registratore di cassa, era pronto a fuggire se non fosse intervenuto l’Ispettore nel bloccarlo. Il poliziotto ha avvisato dell’accaduto gli agenti del Commissariato di Polizia “Chiaiano” che, intervenuti sul posto, hanno condotto in ufficio il rapinatore.

La vittima, medicata in ospedale, ha riportato lesioni guaribili in 15 giorni.

Leggi anchePRESEGUITAVA LA SUA EX: 41ENNE BECCA UN DIVIETO DI AVVICINAMENTO

G.P., che registra precedenti specifici, è stato arrestato, in quanto responsabile del reato di rapina e lesioni personali e, dopo essere stato condotto al Gabinetto della Polizia Scientifica, per essere fotosegnalato, è stato accompagnato dai poliziotti alla Casa Circondariale di Poggioreale.