Log in
21-Nov-2018 Aggiornato alle 12:38 +0100

Pompei, Movida violenta arrestati tre giovai dalla Polizia di Stato

  • Scritto da Nota Stampa Questura di Napoli
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Pompei, Movida violenta arrestati tre giovai dalla Polizia di Stato foto repertorio

POMPEI - Gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato Pompei, ieri pomeriggio hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura presso il Tribunale di Torre Annunziata, nei confronti di tre giovani residenti nei paesi vesuviani, responsabili dell’aggressione ad altro giovane, avvenuta la notte del 9 aprile scorso a Pompei.

La vittima, aveva raggiunto l’ospedale di Castellammare di Stabia, all'una di notte circa per diverse ferite l.c., al viso ed alle mani, riferendo ai sanitari di essere stato aggredito, poco prima a Pompei, da un gruppo di giovani, mentre era in compagnia di un suo amico, per futili motivi di viabilità.

La vittima era stata attaccata da un giovane armato di coltello mentre gli altri due, bloccavano un eventuale intervento del suo amico, picchiandolo brutalmente. Le indagini, scattate subito dopo l’arrivo in ospedale della vittima, si sono dirette, inizialmente, verso l’osservazione dei video delle telecamere di video‑sorveglianza cittadina, confrontando ore ed ore di filmati dell’area indicata quale teatro del crimine, nonché delle zone limitrofe.

L’individuazione dell’autovettura con la quale gli aggressori si erano allontanati , ha trovato riscontro dal profilo facebook di C. G. nel quale si ritraeva, in compagnia degli altri due “amici”, a bordo della stessa. I poliziotti hanno così potuto identificare gli autori dell’aggressione che sono: V. A. C. di 23 anni di San Giuseppe Vesuviano, G. C. di 31 anni, originario di Ottaviano ed il 25 enne F. T., originario di Pollena Troccia, residente a San Giuseppe Vesuviano, che dovranno rispondere di tentato omicidio e porto abusivo di arma. C. e C. sono stati associati alla casa circondariale di Napoli Poggioreale mentre per T. è stato sottoposto al regime alternativo degli arresti domiciliari.