Log in
18-Sep-2019 Aggiornato alle 11:11 +0200

Nola, dall'inizio del 2017 sequestrate 10 tonnellate di bionde

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. GdF. Napoli
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Nola, dall'inizio del 2017 sequestrate 10 tonnellate di bionde Foto: Guardia di Finanza

Dall'inizio dell'anno sequestrate 10 tonnellate di sigarette di contrabbando e arrestate 35 persone oltre le 14 denunciate.

NOLA - Nel quadro dell’intensificazione delle attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, con particolare attenzione alla recrudescenza del contrabbando di tabacchi lavorati esteri, il Comando Provinciale Napoli della Guardia di Finanza ha disposto una capillare intensificazione dei servizi di contrasto attuati sull’intero territorio provinciale.

In tale contesto, il monitoraggio di talune aree geografiche ricadenti nella circoscrizione di servizio della Compagnia di Nola ha consentito, dall’inizio dell’anno, ai finanzieri di sequestrare, complessivamente, circa 10 tonnellate di sigarette di contrabbando tra le più note marche di “cheap white” (regina – mark1 – 500 – marble) reperibili nel mercato illegale sia cittadino che dell’intera provincia napoletana.

In particolare, le fiamme gialle nolane, nell’ambito della complessa attività eseguita e durante i numerosi interventi operati, hanno individuato i flussi di approvigionamento dall’Est Europa, scoperto vari depositi, controllato i movimenti e accertato le modalità operative poste in essere dai contrabbandieri.

Questi, al fine di ridurre al minimo le eventuali perdite legate ai possibili sequestri effettuati dalle Forze di Polizia, smerciavano i tabacchi di contrabbando nei diversi comuni della provincia frazionandoli in numerosi carichi di piccole dimensioni. al termine dell’attività di contrasto sono stati arrestati complessivamente 35 responsabili, ulteriori 14 sono stati denunciati all’autorità giudiziaria competente ponendo sotto sequestro circa 10 tonnellate di sigarette di contrabbando dal valore di mercato stimabile in oltre 2 milioni di euro.

L’attività eseguita testimonia il costante presidio esercitato dal corpo sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.