Log in
13-Nov-2018 Aggiornato alle 18:40 +0100

Napoli, proteste dei pazienti all’Ospedale A. Cardarelli

Giorni fa, alcune persone, parenti dei pazienti ricoverati nei raparti dell'Ospedale di Napoli che rappresenta l’ancora di salvezza per i bisognosi di cure urgenti, hanno dato vita a proteste e inizio di disordini prontamente soffocati.

I focolai oggetto del malcontento, come riportato da Il Mattino di Napoli, hanno avuto origine dalla denuncia di un operatore sanitario zelante riguardo alla mancanza di biancheria sulle barelle di prima assistenza.

Le lagnanze dei pazienti ricoverati nelle corsie e coperti di sole lenzuola, i quali, anche con il caldo dei riscaldamenti in atto sentivano freddo, hanno stimolato le reazioni dei familiari, ed è stato solo grazie all’intervento del Direttore Sanitario di presidio, Franco Paradiso, le acque si sono calmate.

Lo scorso 4 Marzo, il Direttore Paradiso ha eseguito un sopralluogo con i responsabili che gestiscono la biancheria, provvedendo prontamente a ripristinare la disponibilità e le scorte necessarie a disposizione degli operatori e soprattutto dei ricoverati.

L’Ospedale A. Cardarelli di Napoli, una delle più importanti strutture ospedaliere del mezzogiorno, simbolo di speranze per milioni di persone, non solo campane, non dovrebbe scivolare in queste vicende che gettano ombre sul suo glorioso operato, ma continuare a tenere alta la Bandiera della Medicina e Chirurgia, che l’hanno resa famosa in tutta Italia. 

Vincenzo Cacciapuoti

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.