Log in
14-Nov-2018 Aggiornato alle 19:38 +0100

Napoli. presi a pugni e calci perchè dicono di no al "pacco"

  • Scritto da Comunicato Stampa
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti

Contrasto al fenomeno della vendita apparente di dispositivi elettronici


Nell’ambito delle attività di controllo del territorio  e a seguito di diverse segnalazioni da cittadini e associazioni operanti sul territorio inerenti le truffe nell’area di Piazza Garibaldi, sono stati istituiti idonei servizi di controllo per il contrasto di tale fenomeno relativo all’apparente vendita di dispositivi elettronici.

Personale dipendente della U.O. Tutela Emergenze sociali e Minori, a seguito di indagini e appostamenti in Piazza Garibaldi e zone limitrofe, traeva in arresto un pregiudicato resosi responsabile di estorsione, minacce, tentata truffa ed aggressione nei confronti di due giovani passanti.

I due ragazzi, mentre passeggiavano nei dintorni della Stazione Centrale, sono stati avvicinati da un gruppo di persone che insistentemente proponevano l’acquisto di telefonini e tablet.

Al netto e fermo rifiuto dei due, ben consapevoli di essere vittime della  truffa del cosiddetto ”pacco”, venivano entrambi spintonati e poi aggrediti con calci e pugni. Le vittime, riuscite a divincolarsi dagli aggressori, incrociavano più avanti una pattuglia di Agenti e, fornendo una dettagliata descrizione degli aggressori, facevano sì che pochi istanti dopo si individuassero due persone che venivano fermate e accompagnate presso gli uffici di via Poerio.

Una volta giunti, si procedeva ad un confronto tra le parti ed uno dei fermati risultava essere un pluripregiudicato già noto alle Forze dell’Ordine per numerosi reati specifici, su disposizione del P.M. di turno presso la locale Procura della Repubblica, veniva arrestato disponendone l’immediata traduzione presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale.

I due ragazzi venivano accompagnati presso l’Ospedale Loreto Mare dove venivano refertati con una prognosi di 10 giorni.