Log in
13-Nov-2018 Aggiornato alle 18:40 +0100

Napoli, PM: arrestato cittadino rumeno per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale dopo una fuga in macchina nella zona del Centro Direzionale

  • Scritto da Comunicato Stampa
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti

La Polizia Municipale, nell’ambito delle attività di prevenzione, repressione e monitoraggio del fenomeno della prostituzione, con particolare riguardo ed attenzione di quella minorile, nelle aree cittadine interessate da tale attività, in primis nella zona del Centro Direzionale, questa notte ha tratto in arresto un cittadino rumeno, tale M.I. di anni 20.

Il Personale della U.O. Tutela Emergenze Sociali e Minori, impegnato in un servizio di appostamento finalizzato all’individuazione di sfruttatori delle prostitute, hanno intimato l’alt ad un’auto di grossa cilindrata che sfrecciava a forte velocità su Via Taddeo da Sessa ma il conducente ha proseguito nella sua corsa.  Dopo un un inseguimento nelle strade adiacenti il Centro Direzionale, terminato in Via Brecce a S. Erasmo, all’altezza del Campo Rom, le pattuglie lo hanno costretto ad arrestare la fuga. 

Il soggetto, per sfuggire al fermo, ha abbandonato l’auto ed aggredito violentemente un operatore della P.M. causandogli lesioni, refertate successivamente presso l’Ospedale Loreto Mare, guaribili in 10 giorni.

Gli agenti lo hanno condotto presso i propri uffici dove hanno appurato che il rumeno era privo di patente di guida ed assicurazione - per cui la vettura veniva sottoposta a sequestro - e, inoltre, lo stesso è risultato già noto alle Forze dell’Ordine per reati contro il patrimonio.

M.I. è stato dunque tratto in arresto e, su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica, condotto presso le camere di attesa per essere sottoposto a rito direttissimo. Questa mattina il Giudice del Tribunale di Napoli ha convalidato l’arresto condannando il pregiudicato a sei mesi di carcere.