Log in
13-Nov-2018 Aggiornato alle 19:21 +0100

Grumo Nevano, costretti a lavora 11 ore per 20€: denunciata la titolare dell'opificio

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Carabinieri Napoli
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Grumo Nevano, costretti a lavora 11 ore per 20€: denunciata la titolare dell'opificio Foto: Carabinieri

La titolare, una 32enne del Bangladesh, è stata denunciata per sfruttamento del lavoro dei 3 clandestini e per violazioni della sicurezza sul lavoro.

Nel corso di un servizio organizzato per controllare condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro e scoprire eventuali casi di “lavoro nero”, i Carabinieri della Stazione di Grumo Nevano hanno ispezionato un opificio di via Quintavalle insieme a colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Napoli.

{modulepos bannerarticoli}

Nell’opificio è stata accertata la presenza di 12 persone intente a confezionare giacche da uomo a ritmi serratissimi in un locale di 150 metri quadri in pessime condizioni igienico sanitarie, con attrezzature non conformi e senza che fosse stato almeno redatto il documento di valutazione dei rischi.

Leggi anche:GRUMO NEVANO, CARABINIERI ARRESTANO UN 33ENNE: CONTINUAVA A PERSEGUITARE LA EX

9 delle 12 persone sono risultate prese “a nero” e lavoravano 11 ore al giorno tutti i giorni, compresi i festivi, per soli 20 euro, ovviamente senza alcun versamento di contributi previdenziali e senza possibilità di prestazioni assistenziali. 3 dei lavoratori a nero sono risultati inoltre in condizioni di clandestinità.

La titolare 32enne del Bangladesh è stata denunciata per sfruttamento del lavoro dei 3 clandestini e per varie violazioni alle norme per la sicurezza sul lavoro. L’attività è stata immediatamente sospesa. Il locale sequestrato con tutte le attrezzature.