Log in
18-Nov-2018 Aggiornato alle 21:36 +0100

De Magistris all'anteprima di "Per amor vostro": «Il talento e la creatività sono il vero dato costitutivo di Napoli».

  • Scritto da Nota stampa
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
De Magistris all'anteprima di "Per amor vostro": «Il talento e la creatività sono il vero dato costitutivo di Napoli». Foto: repertorio

 Ieri sera al cinema Modernissimo e al cinema Filangieri doppia anteprima per il film di Giuseppe Mario Gaudino Per amor vostro, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia; alla cerimonia sono intervenuti, fra gli altri, il regista puteolano Beppe Gaudino e molti degli attori. In sala la protagonista Valeria Golino, che con questo film ha vinto per la seconda volta la Coppa Volpi, il prestigioso premio alla miglior interpretazione femminile che in passato fu assegnato anche ad Anna Magnani e Sophia Loren. Centinaia di appassionati hanno affollato le sale per applaudire la storia di Anna, raccontata tra sogno e realtà, moglie di un usuraio e madre di tre figli, che vince il torpore di un'esistenza malinconica e sceglie di denunciare il marito. Forte la presenza di Napoli in questa pellicola: oltre ai due protagonisti Valeria Golino e Massimiliano Gallo, sono napoletani gli attori Salvatore Cantalupo, Simona Capozzi, Elisabetta Mirra, Edoardo Crò, Daria D'Isanto, Rosaria De Cicco, Antonella Stefanucci, Angelo Laurino, Giovanni Circelli, Luigi Di Cicco. Napoletani anche il curatore del montaggio Giogiò Franchini, gli scenografi Flaviano Barbarisi e Antonella Di Martino, la costumista Antonella Torella, e uno dei produttori, Gaetano Di Vaio. Alla serata erano presenti anche il sindaco Luigi de Magistris e l'assessore alla cultura Nino Daniele. > > «Uno splendido lavoro del geniale Beppe Gaudino – ha dichiarato il sindaco – impreziosito dall’interpretazione magistrale di Valeria Golino e dalla bravura di tanti altri attori e operatori. Sono orgoglioso di questa Napoli che produce cultura ad altissimo livello, che fa conoscere il suo volto migliore all’Italia e al mondo. La cultura è la nostra risorsa più straordinaria e, anche se non deve nascondere i problemi e le ferite della nostra città, può aiutarci a curarla. Il talento e la creatività sono il vero dato costitutivo di Napoli».