Log in
15-Nov-2018 Aggiornato alle 18:25 +0100

Coisp Napoli, gli auguri del Segretario generale al ministro Minniti

  • Scritto da Nota stampa, Coisp Napoli
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Coisp Napoli, gli auguri del Segretario generale al ministro Minniti Marco Minniti

"Con il Governo Gentiloni cambia anche il Ministro dell'Interno. Marco Minniti da sempre in prima linea contro il crimine organizzato potrà certamente accogliere le istanze delle donne e degli uomini della Polizia di Stato che lavorano a Napoli e territorio.” Dichiara Giulio Catuogno segretario generale Coisp Napoli.

“Minniti, da uomo del sud, sa quanto sia difficile operare in realtà complicate e difficili come le nostre” Continua Catuogno. “Quello che ci auguriamo è sicuramente una maggiore attenzione verso un territorio come quello in cui quotidianamente operiamo” “Minniti è al primo incarico da ministro e sarà lui a dover decidere, tra qualche giorno, sullo scioglimento del Comune di Marano per infiltrazioni camorristiche, chiamato immediatamente confrontarsi con una delle malepiaghe del nostro territorio” “Il ministro Minniti però non è nuovo a dure e giuste prese di posizione contro il crimine organizzato, ricordiamo bene il suo impegno nei mandati da viceministro”

“La nostra organizzazione si augura certamente una maggiore sensibilità ed attenzione del Ministro verso le problematiche tipiche del nostro settore, certi però di poter instaurare con il dottor Minniti una fattiva collaborazione.” “Quel che serve a Napoli e Hinterland non sono leggi speciali, ma donne e uomini capaci di interfacciarsi con una realtà che cambia costantemente e per far questo urge una migliore formazione degli operatori. Servono strumenti idonei a combattere il crimine organizzato che con l'evolvere della società cambia e soprattutto servono maggiori riconoscimenti a chi per lo Stato dedica le migliori energie.”

“Auguriamo al Ministro Minniti buon lavoro per lo svolgimento di un ruolo che sappiamo essere uno dei più delicati e difficili da portare avanti” . Conclude Catuogno.