Log in
15-Nov-2018 Aggiornato alle 15:01 +0100

26enne aggredito con manico di scopa metallico e sfollagente ad Ischia

26enne aggredito con un manico di scopa metallico e sfollagente ad Ischia Foto: archivio 26enne aggredito con un manico di scopa metallico e sfollagente ad Ischia

Il peggio è stato evitato dall'intervento di un Maresciallo della Compagnia di Ischia e da un Poliziotto libero dal servizio. Arrestati i tre aggressori.

I Carabinieri della Compagnia di Ischia e Agenti del Locale Commissariato hanno arrestato per resistenza e violenza a un pubblico ufficiale nonché lesioni aggravate dall’uso delle armi un 30enne, un 67enne e un 37enne, tutti del posto.

Di recente avevano minacciato un 26enne ischitano dicendogli che “gliela avrebbero fatta pagare” per motivi in corso di chiarimento e, appena lo hanno visto per strada, non hanno minimamente esitato ad agredirlo in ogni maniera.

Il 30enne lo ha inseguito e scaraventato al suolo e lo ha aggredito colpendolo con calci e pugni e stringendogli le mani al collo per soffocarlo. Il ragazzo è stato salvato da un Maresciallo della Compagnia di Ischia che in quei momenti passava in scooter ed è intervenuto allentando la morsa del 30enne e separandolo dalla vittima.

Leggi ancheMETTE UN SELFIE AL POSTO DELLA SUA FOTO SULLA CARTA DI IDENTITÀ 

Dopo qualche istante però sono sopraggiunti anche il 67enne che, con un manico di scopa di metallo, ha colpito ripetutamente la vittima e il 37enne che, per l'aggressione, ha utilizzato uno sfollagente di legno.

L’aggressione è stata alla fine interrotta, anche grazie a un Agente di Polizia libero dal servizio, di passaggio e completamente sedata dai rinforzi con pattuglie della Polizia di Stato e dei Carabinieri attivate dalla centrale operativa del 112.

I 3 sono stati arrestati, mentre la vittima è stata trasportata presso l'Ospedale di Lacco Ameno per le contusioni e le abrasioni riportate, giudicate guaribili in una settimana.

Il bastone di legno e il manico di scopa di metallo sono stati sottoposti a sequestro. A diffondere notizia dell'arresto il Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.