Log in
21-Nov-2018 Aggiornato alle 10:16 +0100

Sequestri di fuochi a ridosso della mezzanotte in Provincia di Napoli

Sequestri di fuochi a ridosso della mezzanotte in Provincia di Napoli Foto: Carabineiri - Parte del materiale sequestrato

Sequestrati dai Carabinieri ordigni artigianali e centraline per accensione a distanza: arrestati 2 titolari di rivendite di fuochi.

QUALIANO, CASALNUOVO, FRATTAMAGGIORE, VICO EQUENSE - Zio e nipote nascondevano nella loro taverna a Qualiano 70 chili di ordigni esplosivi artigianali (297 “cobra”, 35 “capsule” e 36 “spolette con ritardo”), circa 160 chili circa di materiale esplodente di IV e V categoria, una centralina per l’accensione a distanza di batterie mediante telecomando e 89 tubi da mortaio di vario calibro.

G. P., 45enne e V. P., 23enne, entrambi del posto e incensurati, sono stati tratti in arresto per detenzione illegale di materiale esplodente e tradotti in carcere.

A Casalnuovo i militari della locale Tenenza, della Stazione di Pomigliano d’Arco e del Nucleo Artificieri del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato il titolare di una ditta produttrice di fuochi d’artificio, C. T, un 42enne di pomigliano già noto alle forze dell'ordine. Durante perquisizione domiciliare è stato sorpreso a detenere 100 “track” ad elevato potenziale esplosivo e materiale per il confezionamento (bustine, micce).
è stato tratto in arresto per detenzione illegale e finalizzata al commercio di materiale esplodente e, dopo le formalità, tradotto ai domiciliari.

A Frattamaggiore, invece, i Carabinieri hanno denunciato per detenzione illegale di materiale esplodente un 33enne di Orta di atella e un 23enne di Frattamaggiore, entrambi noti alle forze dell'ordine, sorpresi ad allestire 2 banchetti per la vendita di fuochi d’artificio: il primo ne aveva esposti 60 chili, il secondo 20 di 1, 2, e 3 categoria, proibiti.

A Vico Equense, infine, i Carabinieri hanno arrestato il titolare di una rivendita di fuochi d’artificio poiché è stato trovato in possesso di 815 “candelotti” e 77 colpi da “mortaio pirotecnico” per un peso complessivo di circa 62 chili. M.G., un 36enne del luogo, dovrà rispondere di detenzione e vendita di materiale esplosivo; dopo le formalità è stato tradotto ai domiciliari.

A difforndere la notizia un comunicato del Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.