Log in
23-May-2019 Aggiornato alle 17:25 +0200

Prende a schiaffi la compagna durante il viaggio da Torino a Pollena Trocchia

Prende a schiaffi la compagna durante il viaggio da Torino a Pollena Trocchia Foto archivio Prende a schiaffi la compagna durante il viaggio da Torino a Pollena Trocchia

L'uomo, un 46enne di Casalnuovo, ha constantemente vessato la sua compagna per denaro durante il viaggio.

Un 46enne di Casalnuovo già noto alle forze dell’ordine e una 33enne di Napoli sono domiciliati da tempo in Provincia di Torino con un bimbo di 3 mesi.

Leggi ancheERCOLANO, ADDOSSO UNA PISTOLA CARICA: 35ENNE ARRESTATO DAI CARABINIERI

L'uomo da un anno e mezzo è sottoposto da un anno e mezzo al divieto di avvicinamento alla donna dopo che la relazione sentimentale era diventata connotata da violenza e soprusi, ma lei aveva comunque accettato di tornare a vivere con lui.

Ieri però, in vista, vista delle festività di Pasqua da passare nel napoletano hanno intrapreso il viaggio dalla Provincia di Torino, ma lui ha - che guidava in stato di ebbrezza - ha iniziato a chiedere alla donna 300€. Dapprima ha iniziato ad alzare la voce, poi ha iniziato a prenderla a schiaffi senza curarsi minimamente della presenza del figlio di tre anni che la donna aveva in braccio. convivere.

Ovviamente la condotta violenta dell'uomo è scattata al momento del rifiuto del denaro cche gli sarebbe servito per compreare alcolici e per giocare d'azzardo. Lei ha ceduto alle richieste quando l'uomo ha simulato di voler andare ad impattare contro la vettura che che stava guidando conftro il guardrail e gli ha consegnato il denaro richiesto e due bancomat.

Lei, con il pretesto di acquistare il latte per il bambino è riuscita a farlo fermare nei pressi di una farmacia e una volta entrata ha chiesto al personale di chiamare il 112. I Carabinieri sono intervenuti in pochi minuti e, dopo avere ricostruito l'accaduto, hanno provveduto ad arrestare arrestato l’uomo per rapina e maltrattamenti in famiglia.

Dopo le formalità l’arrestato è stato tradotto in carcere, mentre la donna  è stata medicata all’ospedale “villa betania” per il trauma contusivo e le lesioni riportate sono state giudicate guaribili in 8 giorni.

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.