Log in
13-Nov-2018 Aggiornato alle 18:40 +0100

Napoli, siglato un accordo per individuare le vittime della tratta e donne a rischio

Napoli, siglato un accordo per individuare le vittime della tratta e donne a rischio Foto: repertorio
Le parti coinvolte: Associazione LESS Impresa sociale Onlus, Cooperativa Sociale Dedalus e Assessorato al Welfare

Un accordo mirato all'individuazione del supporto delle donne che hanno bisogno di richiedere protezione internazionale, donne a rischio oppure vittima di tratta di esseri umani, quello siglato tra l'Assessorato al Welfare con l'Associazione LESS Impresa Sociale Onlus e la Cooperativa Sociale Dedalus, il tutto nell'ambito dei servizi di accoglienza ed integrazione previsti nel progetto I.A.R.A. (Integrazione e Accoglienza per rifugiati e richiedenti Asilo) e del sistema SPRAR del Comune di Napoli.

Gli enti con i quali sono stati sottoscritti gli accordi sono da sempre impegnati nell'ambito dell'accoglienza e della protezione al fine dell'emersione dello sfruttamento. L'associazione LESS, infatti, è l'Ente gestore del progetto I.A.R.A, nel corso degli anni ha sempre erogato servizi di accoglienza integrata ai richiedenti e titolari di protezione internazionale.

La Cooperativa Sociale Dedalus, invece, è impegnata da quindici anni nella realizzazione – su tutto il territorio campano – dei progetti finalizzati all'emersione, alla segnalazione, all'identificazione e all'invio ai servizi delle vittime di tratta e sfruttamento.

La connessione fra protezione internazionale e tratta di esseri umani, soprattutto a scopo di sfruttamento sessuale risulta, purtroppo, un fenomeno in continua espansione sul nostro territorio nonstante l'impegno profuso degli enti che hanno come finalità proprio il contrasto di queste pratiche.

Le difficoltà maggiori, infatti, si incontrano nell'individuazione degli aspetti attinenti lo sfruttamento e la tratta. Alla luce di tutto ciò le parti hanno inteso riconoscere l'interesse ad attivare forme di collaborazione integrate al fine di sviluppare e promuovere interventi mirati, che abbiano l'obiettivo di una corretta individuazione delle vittime del fenomeno e di un'efficace strutturazione di percorsi di contrasto allo sfruttamento e alla violenza.