Log in
14-Nov-2018 Aggiornato alle 19:38 +0100

Napoli, parte del corteo cerca di varcare la zona rossa partono i tafferugli, il piano del governo bocciato dalle associazioni

Napoli, parte del corteo cerca di varcare la zona rossa partono i tafferugli, il piano del governo bocciato dalle associazioni Momento della Manifestazione - Foto: Per gentile concessione presa dalla pagina Facebook dell'ex OPG OCCUPATO

Doveva procedere tutto senza incidenti, ma così non è stato. Le accuse: la città troppo militarizzata per l'arrivo di Renzi secondo centri sociali ed associazioni; manifestanti violenti secondo i sostenitori del Presidente del Consiglio. In strada invece sassaiole e cariche. 

“Siamo andati a portare la nostra vicinanza alle associazioni, ai comitati studenteschi, alle donne ed agli uomini che oggi in occasione della visita del presidente del Consiglio hanno deciso di esprimere le proprie istanze. Istanze con le quali l’amministrazione comunale si confronta e sulle quali lavora ogni giorno.  Abbiamo riscontrato un clima di grande partecipazione democratica e pacifica e ci auguriamo che lo stesso clima accompagni la manifestazione fino al termine della giornata”.

Cosi in una nota stampa di ieri mattina gli Assessori Fucito e Piscopo hanno spiegato la loro presenza alla manifestazione di dissenso nei contronti del Governo Renzi. Purtroppo però i loro auspici affinché la manifestazione continuasse in maniera pacifica sono stati disattesi.

Alle 18:00 circa, infatti, ora alla quale sarebbe arrivato il Premier per presiedere alla Cabina di Regia per Bagnoli una parte del corteo ha tentato di forzare la zona rossa, e sono stati respinti dalle forze dell'ordine, poi sassaiaole e contusi. Circa un ora dopo riparte la manifestazione e con il blocco stradale di via Acton che ha causato numerosi problemi alla circolazione delle auto. Bocciato su tutta la linea il piano di Renzi per Bagnoli dalle associazioni e dai centri sociali una sola voce comune: "Il governo doveva solo fare la bonifica e no la ha fatta".

La protesta si è sciolta una volta arrivata a Piazza Municipio, ancora una volta una città militarizzata ha consentito gli scontri tra forze dell'ordine e manifestanti: gli uni sul posto per lavoro, gli altri per far sapere a chi governa che forse le cose non vanno bene come si vuole lasciare intendere; ancora una volta ci si trova davanti ad uno scontro tra "fratelli" perché tutti italiani, mentre le logiche affaristiche continuano ad avanzare indisturbate.

Per completezza pubblichiamo il video la conferenza stampa di questa mattina di seguito

Video

Web TV del Comune di Napoli
Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.