Log in
19-Oct-2018 Aggiornato alle 9:07 +0200

Napoli, occupati alcuni locali dell'ospedale San Gennaro

Napoli, occupati alcuni locali dell'ospedale San Gennaro Foto: pagina dell'evento - Ospedale san Gennaro

Troppe le promesse non mantenute che hanno scaturito il gesto mirato a contrastare lo smantellamento della struttura del Quartiere Sanità

Questa mattina un gruppo di cittadini del Rione Sanità di Napoli hanno occupato uno spazio all’interno dell’ospedale San Gennaro. Quanto accaduto risulta essere una delle tappe di una lunga battaglia che si continua a combattere all’interno del quartiere contro i tagli e la volontà di chiudere l’importante ed antico presidio ospedaliero, ormai ridotto ad un posto di primo soccorso.

Sono mesi ormai che è istituito un presidio permanente all’esterno dell’ospedale che, applicando il principio del “controllo popolare” ha impedito lo smantellamento della struttura.

L’occupazione di oggi è solo l’epilogo, dopo tantissime risposte di circostanze degli enti preposti - in primis la Regione Campania - che hanno avuto come risultato solo l’arrabbiatura dei residenti.

Il Governatore De Luca, infatti, aveva fatto promesse che non sono state assolutamente mantenute sulla riconversione: il qualrtiere, infatti, sta aspettando ancore il primo soccorso h24; sta aspettando la one-day-surgery e i relativi strumenti per garantire il primo soccorso.

Tutto ciò ha spinto i cittadini che, stufi dell'andazzo, hanno liberato ed occupato uno spazio destinato all’incuria per istituire un presidio permanente che sia all’interno dell’ex ospedale che possa informare i cittadini attraverso riunioni, attività e conferenze stampa e discutere con i cittadini.

Creare quindi un luogo aperto al quartiere e al confronto in modo da costituire un alternativa per l’intero quartiere è l'intento del presidio.

Per le 17:00 è prevista il primo incontro pubblico con i cittadini e la stampa per spiegare le motivazioni.

Video

Video inviatoci da un nostro lettore Copyright Punto! il magazine web
Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.