Log in
14-Nov-2018 Aggiornato alle 19:38 +0100

Napoli, estorcevano denaro ai commercianti per il clan Lo Russo: tre uomini in manette

Napoli, estorcevano denaro ai commercianti per il clan Lo Russo: tre uomini in manette Foto: archivio

Nelle prime ore della giornata odierna i Carabinieri della Compagnia Napoli Vomero, la Squadra Mobile di Napoli ed il Commissariato di P.S. di Scampia hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP piesso il tribunale di Napoli. su richiesta di questa DDA, nei confronti di tie persone giaveiaiente indiziate di avere posto in essere due condotte cstorsive in danno di commercianti della zona di Cliiaiano al fine di avvantaggiare il clan camorristica dei Lo Russo

In particolare il provvedimento restrittivo si fonda sulle risultanze del lavoro investigativo svolto, in perfetta sinergia, dal Commissariato Scampia, dalla Squadra a Mobile di Napoli e dai Carabinieri della Compagnia Napoli Vomero che, grazie alla collaborazione offerta dalle persone offese ed ai dati acquisiti dalle immagini del sistema di videosorveglianza degli esercizi commerciali, sono giunti con tempismo alla identificazione degli autori dei reati.

Agli indagati, oltre alle condotte estorsive aggravate dall’art. 7  della legge 203/91, sono contestati altresì i reati di tentato omicidio e detenzione di armi con aggravante dell’art. 7 L.203/91.

Ed invero, in uno degli episodi contestati – risalente ai primi giorni del mese di dicembre- al fine di indurre la vittima a versare la somma di denaro richiesta a titolo di tangente, sono stati esplosi numerosi colpi di pistola all’indirizzo del commerciante e dei dipendenti. nonostante la presenza di diversi clienti.

Nel corso delle perquisizioni che hanno portato alla localizzazione degli indagati in località Mondragone sono state rinvenute altresì una pistola ed un Kalashnikov con relativo munizionamento .

Destinatari del provvedimento cautelare sono A. M. (anni 37). P. L. (anni 21) e P. S. (anni 28). La notizia è stata divulgata da una nota stampa della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica di Napoli

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.