Log in
21-Nov-2018 Aggiornato alle 9:15 +0100

Indagine della DDA di Napoli arrestati due imprenditori

Indagine della DDA di Napoli arrestati due imprenditori Gazzella dei Carabinieri - Foto: repertorio

L'indagine condotta sugli appalti truccati del PIP di Aversa

Due arresti a Napoli e nella provincia di Caserta operati dai Carabinieri nell’ambito di una inchiesta condotta dalla DDA di Napoli su appalti truccati nella realizzazione del PIP (Piano Insediamenti Produttivi) di Aversa.

I due secondo le indagini che hanno portato all’arresto sono riconducibili al clan dei Casalesi; uno degli imprenditori tratti in arresto opera nel settore edile ed è accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso, mentre l’altro è accusato di intestazione fittizia di ben e turbata libertà degli incanti il tutto aggravato dal metodo mafioso.

L’ANSA riporta che: “Durante le indagini - si apprende dai Carabinieri - sono stati raccolti elementi sull'appartenenza alla fazione Iovine del clan dei Casalesi di uno dei due imprenditori, del quale non è stato finora reso noto il nome.

L'imprenditore, che è dell'agro aversano ed è noto per lavori realizzati in Campania - secondo gli investigatori - negli anni dal 2007 al 2011, grazie a società di comodo, tutte riconducibili al clan dei Casalesi, riuscì ad aggiudicarsi la gara d'appalto per la realizzazione dell'area P.I.P. di Aversa”.