Log in
15-Dec-2019 Aggiornato alle 13:22 +0100

RC Auto, importante novità per le famiglie nel decreto fiscale.

RC Auto, importante novità per le famiglie nel decreto fiscale. Foto: Redazione RC Auto, importante novità per le famiglie nel decreto fiscale.

Andrea Caso (M5S): "Grazie ad un emendamento a mia prima firma si beneficerà della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo familiare".

Sempre alla ricerca del risparmio quando si parla di RC Auto in tutta Italia, in alcune zone d’Italia l’esborso monetario per le famiglie come la Provincia di Napoli e non solo diventa un vero e proprio salasso.

Ammettiamo, infatti, che una famiglia voglia acquistare un motorino da intestare ad un altro componente di quest’ultima, all’atto dell’assicurazione partirebbe dall’ultima classe di merit, ovvero quella più costosa.

Dal prossimo rinnovo, grazie alla novità introdotta nel decreto fiscale, ci sarà un notevole risparmio per le famiglie perché il veicolo potrà acquisire automaticamente la classe di merito della vettura che, ad esempio potrebbe essere nella classe di merito più conveniente.

A firmare l’emendamento che darà una boccata di ossigeno alle famiglie l’on. Andrea Caso del Movimento 5 Stelle.

Nel decreto fiscale sono riuscito ad ottenere una importante novità nel settore assicurativo”. Così commenta Andrea Caso, Portavoce alla Camera del MoVimento 5 Stelle e membro della Commissione Finanze dove è all’esame il decreto fiscale prima del passaggio in Aula.

Grazie ad un emendamento, a mia prima firma - aggiunge il parlamentare - si potrà beneficiare ora della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo familiare. Nell’ipotesi in cui si disponga di  un motorino in 14esima fascia e di un'auto in prima, a partire dal prossimo rinnovo dell'assicurazione, anche per il motorino si passerà in prima fascia, con un risparmio considerevole sul premio. Per le famiglie italiane - conclude Caso - è una boccata d'ossigeno e finalmente abbiamo tracciato la strada per avere tariffe più basse in attesa della tariffa equa”.

 

Pasquale Vergara

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.