Log in
14-Dec-2017 Aggiornato alle 19:35 +0100

"Vento di Legalità": la lectio magistralis con il prof Paolo Grossi

"Vento di Legalità": la lectio magistralis con il prof Paolo Grossi Foto: Giovani Reporter "Vento di Legalità": la lectio magistralis con il prof Paolo Grossi

L'evento si è tenuto ad Afragola il 29 novembre: il racconto dei Giovani Reporter.

"Non facciamoci intimorire dall' espressione latina!" Con queste parole l'alta carica istituzionale, presidente della Corte Costituzionale prof. Paolo Grossi, ha introdotto la sua lectio magistralis, che ha tenuto assorta e partecipe una vasta platea: alunni di 41 scuole campane, con docenti e dirigenti, rappresentanti di quella scuola che non si arrende alla cultura delle mafie.

Ad accogliere gli ospiti, un commosso Sindaco di Afragola, Domenico Tuccillo, in tutta la solennità della fascia tricolore. Presenti anche i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, delle alte cariche della magistratura, nell' affollata sala del Teatro Gelsomino di Afragola, mercoledì 29 novembre, per una nuova edizione dell'evento VENTO di LEGALITÀ , presieduto dalla sua fondatrice, dottoressa Caterina Viola.

Tra gli altri, sono intervenuti il dott. Francesco Greco, procuratore capo della Repubblica presso il tribunale di Napoli Nord, il dottor Luigi Riello, procuratore generale presso la Corte d' Appello di Napoli e la dottoressa Mariarosaria Correra, anche lei magistrato.

Tante le domande preparate dagli studenti. Non tutte sono state lette: il Presidente Grossi ha assicurato che risponderà via mail alle domande degli studenti esclusi. Queste sono le domande che i Giovani Reporter, della Scuola Media Statale “Don Salvatore Vitale” – Giugliano, gli inoltreranno:

  • Per la sezione GIOVANI NELLA LEGALITÀ: Se un magistrato o una Corte si lasciano influenzare dai precedenti "sporchi" dei componenti familiari dell' imputato, infliggendogli una pena ingiusta, chi ha il compito di verificare che sia adeguata alla circostanza? (In base all’art. 111 della Costituzione, che assicura il giusto processo e garantisce che l'accusato sia informato dell'accusa elevata a suo carico).
  • Per la sezione MAFIA E DISUGUAGLIANZA. Quale settore dell'Ordinamento della Repubblica ha il dovere di proteggere un altro Don Pino Puglisi o un altro Don Peppino Diana, mi spiego meglio: se non si proteggono le uniche persone che tolgono manovalanza e consensi alle mafie in quartieri "difficili" come Brancaccio a Palermo, come si può pretendere di far rispettare la Costituzione?

Le risposte non tarderanno ad arrivare in redazione. Il presidente Paolo Grossi ha risposto a domande abbastanza “scomode”, rileggendole con attenzione, comunicando sempre ai ragazzi un messaggio di speranza.

I Padri costituzionali hanno elaborato un sistema di valori annientati dagli anni della dittatura, stabilendo uguaglianza e la necessità di tutelare i deboli: la persona è al centro della nostra Costituzione, la persona nella società, non l’individuo nel suo isolamento, per questo è la più bella!

Con queste semplici e sentite parole l’alta carica istituzionale si è “chinata” per parlare ai ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, riuscendo a coinvolgere anche i giovani scolari della scuola primaria.

Giovani Reporter
S.M.S. Don Salvatore Vitale
Classe 3ª sezione M

Anastasia Apa
Annarita Palumbo
Mattia Pentagallo
Elio Zollo

Giovani Reporter "Don Vitale"

Il progetto si pone come continuazione di un percorso di Giornalismo ambientale che ha visto gli alunni partecipi nello studio e raccolta di documentazione affidabile per restituire valore scientifico alle notizie riguardanti la cosiddetta Terra dei Fuochi (inquinamento, falde acquifere, salubrità dei prodotti agricoli, tutela e vigilanza del territorio).

L’input è il territorio di Licola, Varcaturo e Lago Patria, nelle sue criticità, da evidenziare in vista di ipotesi risolutive e mai di sterile denuncia da scoop, e nelle sue potenzialità da valorizzare.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.