Log in
19-Nov-2019 Aggiornato alle 16:41 +0100

Giugliano, giovani naturalisti a Lago Patria

Giugliano, giovani naturalisti a Lago Patria Foto: Giovani Reporter Giugliano, giovani naturalisti a Lago Patria

Il racconto dell'esperienza fatta presso il Centro Remiero di Lago Patria organizzata dal Circolo Legambiente Giugliano Arianova.

Sabato 12 ottobre 2019, presso il Circolo Remiero di Lago Patria, il Circolo Legambiente Giugliano Arianova ha organizzato un incontro per esaminare le acque del lago.

Il dott. Sergio Bravi, geologo del Dipartimento delle Scienze della Terra, appassionato paleontologo e naturalista, ha mostrato attraverso un semplice microscopio, quali sono le condizioni del lago: all'interno delle acque c'è ancora vita, pur essendoci un certo tasso di inquinamento, causato perlopiù dagli scarichi delle abitazioni vicine.

Il geologo ha prelevato dei campioni di acqua dal lago e, nella sua ricerca, ha trovato anche dei vermi serpulidi muniti branchie. Esaminando i vermi, ha scoperto che erano tutti vivi, il che è un buon segno! Il meraviglioso lago costiero a forma di cuore è ancora vivo!

Un luogo così incantevole non deve essere trasformato in un centro di scarichi! Le condizioni del lago sono ancora sostenibili, ma se gli uomini continuano ad inquinarlo, non ci sarà più niente da fare.

Se pensiamo a quante risorse potrebbe fornire e che invece, egoisticamente rifiutiamo. Se roviniamo ciò che ci circonda, finiremo per rovinare noi stessi.

Arianna Galluccio
Nicole Calierno
“Pulcini” dei Giovani Reporter
Scuola Don Salvatore Vitale classe 1ª sezione L

 

Giovani Reporter "Don Vitale"

Il progetto si pone come continuazione di un percorso di Giornalismo ambientale che ha visto gli alunni partecipi nello studio e raccolta di documentazione affidabile per restituire valore scientifico alle notizie riguardanti la cosiddetta Terra dei Fuochi (inquinamento, falde acquifere, salubrità dei prodotti agricoli, tutela e vigilanza del territorio).

L’input è il territorio di Licola, Varcaturo e Lago Patria, nelle sue criticità, da evidenziare in vista di ipotesi risolutive e mai di sterile denuncia da scoop, e nelle sue potenzialità da valorizzare.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.