Log in
20-Nov-2018 Aggiornato alle 12:14 +0100

Mondragone, taglieggiavano gli istallatori delle slot machine e VLT

Mondragone, taglieggiavano gli istallatori delle slot machine e VLT Foto: Archivio Mondragone, taglieggiavano gli istallatori delle slot machine e VLT

Arrestate tre persone di Mondragone alle prime luci del mattino indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Mondragone nelle province di Napoli e Caserta, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli - D.D.A,  hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli che, condividendo l’intero impianto accusatorio sostenuto dall’ufficio di Procura nei confronti degli odierni destinatari dei provvedimenti cautelari, ha emettesso tre provvedimenti cautelari in carcere nei confronti di un 47enne, di un 42enne e di un 31enne indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Leggi ancheMONDRAGONE, ARRESTATO UNO SFRUTTATORE DI BRACCIANTI AGRICOLI

Il provvedimento cautelare scaturisce da indagini condotte da settembre 2016 ad aprile 2017 basate sulle risultanze dell’attività tecnica di intercettazione oltre che da attività “tradizionali” che permettevano di appurare le condotte degli indagati, evidenziando l’esistenza di un organizzato sodalizio criminale che si occupava del controllo delle attività economiche anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali. In particolare i tre commettevano estorsioni in danno agli istallatori di slot machine e VLT sul territorio del Comune di Mondragone, giustificando la loro azione per il sostentamento degli affiliati detenuti.  

L’associazione era costituita, promossa, organizzata e diretta dal 47enne, che è risultato essere mandante e beneficiario di tutte le illecite attività compiute sul territorio di competenza del gruppo criminale, che si occupava dell’organizzazione e pianificazioni degli illeciti che portavano denaro nelle casse del clan. A diffondere la notizia un comunicato del Comando Provinciale Carabinieri Caserta

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.